TikTok aprirà una sede in Italia

Lo conferma il general manager di TikTok in Europa e UK Richard Waterworth: 'Negli USA ancora troppe variabili'
TikTok aprirà una sede in Italia

Intervistato dal Corriere della Sera, il general manager per l'Europa e il Regno Unito di TikTok Richard Waterworth ha confermato la volontà - da parte della piattaforma controllata da Bytedance - di aprire una filiale in Italia. L'annuncio è stato fatto a ridosso del bando posto dal presidente uscente USA Donald Trump al popolare social network, in scadenza il prossimo 12 novembre:

"Entro il 2022 finiremo di costruire un nuovo datacenter in Irlanda dove gestiremo i dati di tutti i cittadini europei (...) Stiamo assumendo e a stiamo aprendo un ufficio a Milano, dove a inizio 2021 inizierà a lavorare una squadra di circa 30 persone. Per noi l’Italia è un mercato importante"

Riguardo al rischio di cessazione delle operatività sul mercato statunitense, Waterworth ha osservato:

"Negli ultimi mesi abbiamo collaborato con il governo e proposto e redatto un accordo [con Oracle] che è stato condiviso nei suoi principi. C’è ancora bisogno di molto lavoro per finalizzarlo. E io non posso dire niente su cosa potrebbe succedere se venisse portato a termine, perché ci sono troppe variabili. Dobbiamo solo aspettare"

Mentre, per quanto riguarda i mercati europei:

"Anche in Europa lavoriamo a stretto contatto con tutti i governi. Alcuni, come quello britannico e tedesco, hanno chiesto dettagli sui nostri protocolli sulla sicurezza e i nostri principi e sono rimasti soddisfatti per il modo in cui operiamo"

Dall'archivio di Rockol - 1991, l'ultimo anno d'oro del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.