Warner Music Group: movimenti al top con lo streaming al centro

Vale la pena provare a collegare due notizie dell’ultim’ora…
Warner Music Group: movimenti al top con lo streaming al centro

Due notizie di fatto separate ma entrambe riguardanti Warner Music Group sono circolate nelle ultime ore: potrebbero effettivamente essere messe in relazione senza correre il rischio di fare voli pindarici.

La prima riguarda l’uscita di Stu Bergen, che come CEO delle aree International & Global Commercial Services ha di fatto supervisionato l’intera strategia commerciale di WMG all’estero negli ultimi 8 anni, incrementandone il fatturato di oltre la metà e favorendo una serie di acquisizioni tra cui quella di EMP (merchandising) e di Spinnin’ Records tra le svariate che ha portato a buon fine. Bergen ha dimostrato di avere la vista lunga, in particolar modo in due occasioni: quando fu l’artefice ante-litteram di un accordo di licenza con Tencent (il primo con una major sei anni fa) e quando, recentemente, portò a Warner una partnership esclusiva con Providence, gigante del private equity che ha finanziato con 650 milioni di dollari un fondo appositamente creato per acquisizioni nella musica (modello: Hipgnosis).

La seconda notizia riguarda Kevin Mayer che, nel 2020, è passato sotto i riflettori dell’industria musicale dopo avere lasciato una posizione di rilievo in Disney, dove aveva contribuito in prima persona al successo della strategia di riposizionamento della conglomerata americana sullo streaming in abbonamento, per sedersi alla guida di TikTok, dove non ha fatto in tempo a lasciare un’impronta essendosi dimesso dalla posizione di CEO dopo solo pochi mesi dall’assunzione dell’incarico, in coincidenza con l’inizio dell’offensiva trumpiana contro l’app di ByteDance. Ebbene, ieri Mayer è diventato consulente di Access Industries, il veicolo di investimenti del magnate russo Len Blavatnik, azionista di controllo di Warner Music Group.

Non sorprenderebbe se la carriera di Bergen (che dovrebbe avere beneficiato di stock options con la quotazione della major) proseguisse lungo la direzione della consulenza strategica internazionale orientata alla valorizzazione di licenze e cataloghi, mentre quella di Mayer finisse col focalizzarsi sulla ulteriore centralità dello streaming all’interno di WMG, un comparto nel quale si è dimostrato più che all’altezza del compito in una situazione ben più critica di quella di una major musicale che continua a macinare utili durante la pandemia.

Music Biz Cafe Summer: le conseguenze della pandemia su major e indie
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.