AC/DC, escluso un ritorno di Axl Rose: 'Fuori discussione'

Un'esperienza importante che però, a quanto pare, non si ripeterà più (per la felicità dei fan).
AC/DC, escluso un ritorno di Axl Rose: 'Fuori discussione'

L'esperienza che tra il 2016 e il 2018 li vide condividere i palchi delle arene di tutto il mondo insieme a Axl Rose, il cantante dei Guns N' Roses, chiamato a prendere il posto di Brian Johnson dopo che quest'ultimo fu costretto a rinunciare ai live a causa di alcuni problemi di salute? Bella, bellissima. Ma non si ripeterà più. Un ritorno di Axl nella formazione capitanata da Angus Young è da escludersi, ora che gli AC/DC si sono finalmente ricomposti, con Brian Johnson che è tornato a cantare con il gruppo, Cliff Williams che è tornato a suonare il basso e Phil Rudd che è tornato dietro la batteria. A dirlo sono proprio gli AC/DC, prossimi a tornare nei negozi con il nuovo album, "Power up", a distanza di sei anni dal precedente, in un'intervista al magazine "Total Guitar", mensile britannico per chitarristi, come il titolo stesso lascia intuire. Queste le parole di Angus Young:

"Questa idea non è mai saltata fuori. Axl è stato molto generoso, ci ha aiutati a portare avanti il tour in un momento difficile. Ci contattò per dirci che ci avrebbe dato una mano, se non aveva impegni. Ci suggerì di rimettere in scaletta canzoni che non suonavamo da molto tempo e che a lui piacevano. Gli sono grato per essersi offerto. Ma lui ha la sua vita".

Brian Johnson, 73 anni compiuti all'inizio di ottobre, è tornato a cantare con gli AC/DC proprio in occasione delle sessions di "Power up", iniziate nell'agosto del 2018 e ospitate dai Warehouse Studios di Vancouver, le stesse sale che la band di "Back in black" - disco che proprio quest'anno ha compiuto 40 anni - frequenta da vent'anni e dove ha registrato dischi come "Stiff upper lip" del 2000, "Black ice" del 2008 e "Rock or bust" del 2014.

La presenza - seppur temporanea - di Axl Rose nella formazione fu duramente contestata dai fan degli AC/DC, molti dei quali chiesero il rimborso dei biglietti. Dure parole sull'operazione furono spese pure da giganti del rock come Roger Daltrey degli Who: "Andare a vedere Axl Rose che fa karaoke? Ma per favore...", disse. Il manager del cantante dei Guns N' Roses non mancò di attaccare i fan di Angus Young e soci: "Fate un favore alla band, non venite ai concerti. Non hanno bisogno di stronzi come voi. Siete una malattia per tutte e due le band. Brian ha scelto di lasciare a causa dei suoi problemi di salute e Axl sta aiutando il suo idolo".

"Power up" arriverà sugli scaffali dei negozi e sulle piattaforme di streaming il prossimo venerdì, 13 novembre, anticipato dal singolo "Shot in the dark".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.