Justin Bieber: 'Quelle volte che ho pensato di suicidarmi'

La popstar canadese, un'adolescenza segnata da bravate e abusi, si confessa in un documentario su YouTube.
Justin Bieber: 'Quelle volte che ho pensato di suicidarmi'

Justin Bieber torna a parlare della sua lotta contro l'ansia e la depressione e dei suoi comportamenti autodistruttivi. La 26enne popstar canadese, che già lo scorso anno in un clamoroso post su Instagram raccontò di essere stato molto vicino al suicidio, sopraffatto dalla vita dopo la popolarità precoce, stavolta affida le sue confessioni a un mini documentario. "Justin Bieber: Next Chapter", questo il titolo, è l'ideale prosecuzione di "Justin Bieber: Seasons", la serie in dieci episodi pubblicata su YouTube che all'inizio dell'anno lo visto Bieber raccontare le sue battaglie personali e il suo ritorno sulle scene con l'album "Changes": lungo appena 25 minuti, il mini-film è stato pubblicato sempre in esclusiva sulla popolare piattaforma lo scorso venerdì. Il passaggio clou del documentario è proprio quello in cui il cantante, 150 milioni di copie vendute in tutto il mondo dagli esordi con "One time", "One less lonely girl" e la hit "Baby", che lo lanciò quando era ancora 15enne, racconta come la depressione lo spinse vicinissimo al suicidio:

"Ci sono state delle volte in cui ho pensato davvero di suicidarmi. Dicevo: 'Un giorno tutto questo dolore se ne andrà?'. Ma era troppo difficile da sopportare. E mi faceva stare male. Così pensavo: 'Non voglio più provare dolore'".

Oggi quei pensieri appartengono al passato. E Bieber dice di voler approfittare della posizione di rilievo che occupa nella scena pop internazionale - su Instagram lo seguono 150 milioni di fan, su YouTube i suoi video contano la bellezza di 22,7 miliardi di visualizzazioni complessive - per aiutare i ragazzi e le ragazze che stanno attraversando momenti difficili:

"Ho sempre voluto essere un leader per le persone. Oggi voglio incoraggiarle, dirgli: 'Se ti senti solo, parlane. Sfogati'".

Ad aiutare Bieber ad uscire fuori dal tunnel sono state la preghiera, la meditazione e il matrimonio con la modella statunitense Hailey Baldwin, sposata nel 2018. Negli scorsi giorni era stata diffusa in rete un'anteprima di "Justin Bieber: Next Chapter" incentrata proprio sul rapporto con la fede della voce di "What do you mean?": "Ora ho fede solo nella mia relazione con Dio. Non si basa sulla paura. Non si basa sul mio passato. Si basa su chi sono veramente".

Quest'estate il cantante è stato accusato sui social da due account anonimi di stupro per episodi che risalirebbero al marzo del 2014 e al maggio del 2015. Bieber ha intentato un'azione legale da 20 milioni di dollari contro i due utenti nascosti dietro gli account anonimi e pubblicato contenuti che mostrerebbero la sua innocenza.

L'anno scorso Justin Bieber ha inciso un duetto con Billie Eilish sulle note di un remix della hit di quets'ultima, "Bad guy". E sulla stellina del pop - salita alla ribalta appena 17enne - ha detto: "Voglio solo proteggerla, non voglio che si perda e che passi tutto quello che ho passato io. Se dovesse avere bisogno di me mi può telefonare in qualsiasi momento".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.