John Lennon, quasi 40 anni dalla morte: la storia di "Real love"

L'8 dicembre saranno quarant'anni dalla scomparsa dell'ex Beatles: lo ricordiamo con nove sue canzoni
John Lennon, quasi 40 anni dalla morte: la storia di "Real love"

Fra le canzoni di John Lennon pubblicate dopo la sua morte, "Real Love" è quella dalla storia più lunga, oltre ad avere avuto grande risonanza essendo stata scelta da Yoko Ono e dai Beatles superstiti per lanciare il secondo volume della "Anthology" nel 1996. Il pezzo viene abbozzato già nel 1977 come "Real Life"; si noti che la prima strofa del brano verrà
usata come attacco di "I’m Stepping Out".

Col titolo definitivo di "Real Love", la canzone viene incisa da Lennon sotto forma di demo una decina di volte. Viene pubblicata per la prima volta in una versione del 1978 alla chitarra acustica nella colonna sonora del film di Andrew Solt "Imagine: John Lennon". A quel punto della lavorazione, il brano ha un che di agrodolce: il testo racchiude sia l’amarezza di chi chiede con aria rassegnata “perché dobbiamo restare soli?”, ma anche la saggezza di chi sa che l’amore è ciò che permette di districarsi in quell’insieme di “programmi”, “schemi” e “mucchio di sogni” che è la vita.

L'8 dicembre, a 40 anni dalla morte di John Lennon, Rockol pubblicherà un ampio speciale a lui dedicato.

John Lennon, 40 anni dalla morte: leggi tutti gli articoli

Pochi però notano la canzone. Tant’è che quando, nel 1995, viene rimaneggiata da Paul McCartney, George Harrison, Ringo Starr e Jeff Lynne per essere inserita nella "Beatles Anthology" assieme a "Free As A Bird", il can can pubblicitario circa la possibilità di ascoltare un inedito assoluto dei Fab Four oscura il fatto che i fan conoscevano alla perfezione il brano da otto anni. Rispetto alla "Real Love" inclusa nella colonna sonora, il testo varia e offre una visione della vita e delle relazioni
meno pessimista.

Una versione alla chitarra acustica risalente al 1980 è reperibile nella "Lennon Anthology" e in alcune raccolte pubblicate successivamente. L’unica versione che possa dirsi compiuta è quella dei Beatles, che è stata pubblicata anche su singolo e accompagnata da un videoclip che mostra il gruppo nuovamente al lavoro nel 1995. Nelle esecuzioni di Lennon il brano appare sostanzialmente finito, ma ancora privo di qualsivoglia arrangiamento.
"Real Love" è anche il titolo di un libro di disegni che John fece per il figlio Sean.

Il testo sopra riportato è tratto da "John Lennon", pubblicato nella collana "La storia del rock - i protagonisti" curata da Ezio Guaitamacchi per Hoepli Editore, per gentile concessione del curatore e dell'editore.

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/gJ9Qy-CFpq9wLcBU4qxOfuv0yMw=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/lennon-hoepli.jpg


 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.