John Lennon, quasi 40 anni dalla morte: la storia di "Mother"

L'8 dicembre saranno quarant'anni dalla scomparsa dell'ex Beatles: lo ricordiamo con nove sue canzoni
John Lennon, quasi 40 anni dalla morte: la storia di "Mother"

Una delle caratteristiche della carriera solista di Lennon è stata la riscrittura di alcuni brani che aveva composto per i Beatles.

Il primo è "Mother", versione drammatica di "Julia", canzone apparsa nel "White Album". La differenza tra i due pezzi è abissale: quello dei Beatles offriva un’immagine positiva della madre di John, rievocata come figura dalla bellezza lieve (“Julia, sabbia assopita, nuvola silenziosa”) alla quale il figlio intende approdare in cerca di tranquillità (“Metà di quel che dico non ha senso, ma lo dico solo per raggiungere te, Julia”). In "Mother" invece il clima si fa completamente cupo, prima dimostrazione della profonda influenza che la cura del dottor Arthur Janov ha avuto su Lennon. John rievoca la sua infanzia passata con la famosa zia Mimi perché entrambi i genitori si erano disinteressati di lui. La madre non si sentiva in grado di crescerlo e per questo lo aveva affidato alla sorella; il padre, un marinaio, era sempre in giro per il mondo.

L'8 dicembre, a 40 anni dalla morte di John Lennon, Rockol pubblicherà un ampio speciale a lui dedicato.


“Madre, tu mi hai avuto, ma io non ho mai avuto te”, recita il testo. E ancora: “Padre, tu mi hai lasciato, ma io non ho mai lasciato te, avevo bisogno di te ma tu non avevi bisogno di me, così devo dirti addio, addio”. I risultati della cura dell’urlo primitivo sono evidenti, Lennon ha scavato nel suo io ed è risalito al problema originario: i genitori non si sono occupati di lui. È stato un Beatle, ha conquistato il mondo, ma i problemi di base sono gli stessi per tutti, così l’assenza dei genitori è stata ugualmente drammatica nonostante il successo. Il finale ripetuto fino allo sfinimento (“Mamma non andartene, papà torna a casa”) è lacerante. Nell’unica esecuzione pubblica del brano John precisò che non si trattava solo dei suoi genitori, ma del “99 per cento dei genitori”, lanciando così una dura accusa all’istituto della famiglia.

John Lennon, 40 anni dalla morte: leggi tutti gli articoli

Domani racconteremo la storia di "How do you sleep?"

Il testo sopra riportato è tratto da "John Lennon", pubblicato nella collana "La storia del rock - i protagonisti" curata da Ezio Guaitamacchi per Hoepli Editore, per gentile concessione del curatore e dell'editore.

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/gJ9Qy-CFpq9wLcBU4qxOfuv0yMw=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/lennon-hoepli.jpg
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.