Comunicato Stampa: Nuovi appuntamenti per 'La biblioteca in giardino'

Comunicato Stampa: Nuovi appuntamenti per 'La biblioteca in giardino'
La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

Lunedì 20 giugno alla biblioteca Chiesa Rossa di Milano
Bebo Storti, Renato Sarti e Giovanni Maria Bellu
Protagonisti del secondo appuntamento de


Lunedì 20 giugno la biblioteca Chiesa Rossa di Milano ospiterà il secondo appuntamento de “La Biblioteca in Giardino” ed anche il primo incontro nell’ambito del percorso Cronache. Questo format prevede la partecipazione di scrittori-magistrati, scrittori-giornalisti, scrittori-registi e scrittori-attori che traggono spunto dalla contemporaneità per i loro lavori e per operare una riflessione sul ruolo che la narrativa può svolgere, tra Storia e cronaca del tempo che viviamo.

L’evento di cronaca su cui si incentreranno gli interventi di questo appuntamento, trae spunto da una tragedia affiorata al pubblico dominio solo grazie all'impegno testardo di un giornalista, prima, e di una compagnia teatrale, poi.

Il progetto chiamato La nave fantasma fa riferimento all’episodio drammatico avvenuto il 25 dicembre del 1996 quando tra la Sicilia e Malta affondò un battello di clandestini indiani, pakistani e cingalesi. Morirono 283 persone, ma nel clima natalizio, nonostante le testimonianze dei superstiti, i media ignorarono la vicenda, trasformando l'evento in un naufragio fantasma: una sintesi crudele della disperazione degli immigrati, delle paure della società, della ferocia dei trafficanti di esseri umani. A questo silenzio si oppose Giovanni Maria Bellu, giornalista del quotidiano La Repubblica nonché autore del libro I fantasmi di Portopalo. Natale 1996: la morte di 300 clandestini e il silenzio dell'Italia, (Mondadori, 2004). La sua attività di inviato e la sua dedizione rivolta soprattutto alle inchieste e ai “misteri d’Italia”, lo hanno portato ad approfondire la vicenda della nave di clandestini scomparsa. Inoltre insieme al regista Renato Sarti e all'attore Bebo Storti, ha firmato l'adattamento teatrale della drammatica vicenda.

In questa occasione Bebo Storti - che ha conosciuto la popolarità televisiva con l’interpretazione di una galleria di personaggi capaci di virare al grottesco gli stereotipi della contemporaneità, che ha collaborato con Paolo Rossi e preso parte a programmi di satira di grande successo - ed il regista Renato Sarti, - che a sua volta ha collaborato con Giorgio Strehler, Gabriele Salvatores e ha esordito con il monologo “Mai morti”, interpretato da Storti rimasto in tournèe per tre anni - sottolineeranno la trasformazione (operata ne La nave fantasma) della fredda cronaca degli eventi in un'opera grottesca e aspra, che ricorre al meccanismo teatrale diretto, all'improvvisazione, al coinvolgimento continuo ed estremo del pubblico. Il progetto testimonia la rinnovata capacità della narrazione - scritta e orale - di scuotere le coscienze.

INIZIO INCONTRO ORE 21,30 INGRESSO LIBERO

Lunedì 20 giugno: Cronache biblioteca Chiesa Rossa, via San Domenico Savio 51, Milano (tram 3, 15 bus 79) tel. 0288465991

Prossimo appuntamento: giovedì 23 giugno ore 21.30 per il ciclo Narrazioni ospite Antonio Rezza.
Biblioteca Vigentina zona 1 C.so di Porta Vigentina, 15 tel. 02 8846 5798 (MM3 Crocetta tram 24, 16)

www.labibliotecaingiardino.it
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.