Bruce Springsteen: "Non poter suonare dal vivo il nuovo album è doloroso"

Il Boss, in un'intervista, parla del nuovo album "Letter To You" che uscirà venerdì 23 ottobre.
Bruce Springsteen: "Non poter suonare dal vivo il nuovo album è doloroso"
Credits: Danny Clinch

La pandemia ha fermato i concerti, impedendo agli artisti di portare sul palco le loro canzoni, di farle ascoltare al proprio pubblico. Per chi, come Bruce Springsteen, ha un importante album in uscita, è ancora più doloroso accettare di non poterlo far ascoltare al proprio pubblico durante un concerto dal vivo. Il nuovo disco del Boss, "Letter to You", verrà pubblicato venerdì 23 ottobre, insieme all’omonimo docufilm: sarà il ventesimo disco della carriera del musicista del New Jersey, ma purtroppo non potrà festeggiare questo traguardo con un tour.

“Contiene ottimo materiale per un live – ha detto Bruce in un’intervista per Zane Lowe – è davvero doloroso non poterlo suonare dal vivo adesso, perché questo è materiale che funzionerebbe benissimo sul palco”. Secondo il Boss, le canzoni contenute in Letter to You ricordano un po’ le origini: “Ho deciso di tornare a uno stile probabilmente più vicino – ha spiegato il Boss – bisogna tornare, ad esempio, a "Born To Run", in cui ho dato al pianista Roy Bittan carta bianca per quanto riguarda il piano… queste nuove canzoni si adattano bene a questo tipo di arrangiamenti”. Nel frattempo, le elezioni presidenziali negli Stati Uniti si avvicinano e Bruce Springsteen, da sempre schierato politicamente, ha detto la sua in proposito. Il Boss è pronto a partire e a trasferirsi in Australia se il Presidente in carica dovesse rimanere alla Casa Bianca: “Se Trump verrà rieletto, cosa che non accadrà, sto predicendo adesso che perderà – ha detto – ...ma comunque, se questa eventualità dovesse diventare realtà, ci vediamo sul prossimo aereo”.

Il rocker del New Jersey, in questo periodo impegnato nella promozione del suo nuovo album, "Letter to You" (per approfondire clicca qui), si era già detto - in occasione dell'incontro virtuale con la stampa italiana - praticamente certo della non rielezione del candidato repubblicano. In un'intervista al quotidiano australiano Daily Telegraph, la voce di "Born in the USA" si è detto pronto a prendere in considerazione anche l'ipotesi della rielezione. "Nel caso Trump dovesse essere rieletto - e non lo sarà, ne sono certo - ci vedremo sul primo volo per l'Australia", ha spiegato il Boss, replicando - quasi sicuramente senza saperlo - quanto dichiarato dal batterista dei Motley Crue Tommy Lee, che intervistato da The Big Issue si era detto pronto a tornare nella natìa Grecia in caso di secondo mandato del presidente uscente.

Dall'archivio di Rockol - Bruce Springsteen racconta Asbury Park
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.