La curiosa storia di come Stevie Nicks scrisse "Dreams"

Le sessioni di registrazione dei Fleetwood Mac per l'album "Rumours" erano quasi concluse, ma la cantante aveva in mente un'idea...
La curiosa storia di come Stevie Nicks scrisse "Dreams"

Stevie Nicks ha raccontato a Yahoo Entertainment come scrisse, nel 1977, la hit dei Fleetwood Mac "Dreams", tornata in auge nell'ultimo periodo, scalando posizioni su posizioni nella classifica di vendita negli Stati Uniti, grazie alla clip pubblicata su TikTok da un utente messicano. La musicista americana dice di averla composta in soli venti minuti dopo aver avuto accesso a una 'stanza magica' sconosciuta agli altri membri della band.

I Fleetwood Mac avevano quasi finito di registrare le demo per l'album "Rumours" quando lei sentì il bisogno di lasciare lo studio per meglio elaborare una idea che gli frullava in testa. Ecco le parole dell'oggi 72enne popstar: "[Eravamo] al Record Plant di San Francisco e avevamo quasi finito le dodici demo. Tutti stavano lavorando a qualcosa nello studio principale e io ebbi questa idea. Giravo per lo studio, cercando un posto dove potermi rannicchiare con la mia Fender Rhodes, i miei testi e un piccolo registratore a cassette. Un ragazzo che non conoscevo mi disse: 'Stai cercando un posto dove poter suonare?' Risposi, 'Sì. Ho una canzone in testa e la voglio registrare.' E lui, 'Ok, non dirlo a nessuno, ma ho un posto dove puoi andare' E io ho pensato, 'Oh mio Dio, una stanza magica! Oh mio Dio, non lo dirò a nessuno.'"

Il ragazzo la portò lungo un corridoio e aprì uno "studio completo del quale nessuno di noi sapeva che esistesse in quell'edificio, ed eravamo lì da tre mesi!" Continua il suo racconto Stevie Nicks: "Era un grande studio infossato di forma circolare, come un faro, come un cerchio, con delle tastiere tutt'intorno, un mucchio di tastiere in questa specie di tunnel. E poi di lato c'era un grande letto a mezzaluna con del velluto nero e rosso. Un poco sgargiante, ma in realtà bellissimo. E io dissi, 'Cos'è questo?' E lui rispose, 'Questo è lo studio di Sly Stone'".

Dopo essersi assicurata che a Sly Stone non dispiacesse che lei usasse la stanza, si sistemò sul letto che "vibrò per 15 o 20 minuti". Ha detto ancora, concludendo la sua storia: "Iniziai a suonare "Dreams". E, nel giro di circa 20 minuti, era scritta e registrata. Molto semplicemente, ho pensato, 'Grazie, Sly Stone e gli spiriti di Sly Stone e di tutta la tua band'. Così tornai indietro lungo il corridoio ed entrai nello studio dei Fleetwood Mac dicendo: 'Ascoltate tutti. Penso di avere qualcosa che volete sentire'. Gli feci ascoltare una breve registrazione di "Dreams" e la registrammo quella notte."

Riflettendo sulla rinascita a nuova vita della canzone grazie al video diventato virale pubblicato da Nathan Apodaca, commenta con un alone di misticismo: "La gente aveva bisogno di un po' di magia. Penso che ci sia un po' di magia."

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.