I Led Zeppelin erano pronti per un tour dopo la reunion del 2007, ma...

Jimmy Page torna a parlare dell'ultimo show della band inglese.
I Led Zeppelin erano pronti per un tour dopo la reunion del 2007, ma...

Nel 2007 i Led Zeppelin erano pronti ad organizzare un tour dopo la reunion sul palco che ebbe luogo alla O2 Arena di Londra, quando i tre membri in vita della band inglese - Jimmy Page, Robert Plant e John Paul Jones - insieme a Jason, il figlio del leggendario batterista della band John Bonham, scomparso nel settembre del 1980, tornarono insieme per un tributo al defunto presidente dell'Atlantic Records Ahmet Ertegun.

Il chitarrista della band Jimmy Page, parlando alla rivista Classic Rock, si noti, sempre senza menzionare il nome di Robert Plant ha detto: “Ci siamo divertiti molto durante le prove perché principalmente eravamo noi tre. Eravamo io, Jason e John Paul Jones a suonare insieme, così che Jason si sentisse davvero parte della band, non che fosse lì solo perché figlio di John. Era lì perché era un dannatamente bravo batterista ed era giusto che fosse seduto in quel posto. Ma aveva bisogno di saperlo. E sì, ci furono molte prove. Eravamo pronti per questo. Si disse che ci sarebbe stato un tour. Non erano state fissate delle date, ma ovviamente ci eravamo affinati a tal punto da essere pronti".

Ha però aggiunto: “Ma da allora non c'è stata alcuna discussione su nessun tour, né ci sarà. È solo una di quelle cose strane del mondo dei Led Zeppelin, davvero, un'altra parte del fenomeno Led Zeppelin".

Il 76enne musicista inglese ammette che avrebbe voluto esibirsi per le due sere del tributo - anche se inizialmente al gruppo venne chiesto di suonare solo per trenta minuti - perché desiderava ignorare i ricordi dei loro disastrosi spettacoli legati alle loro precedenti reunion: il Live Aid nel 1985, che fu rovinato dal non aver provato, e, tre anni dopo, per il quarantesimo anniversario della Atlantic, quando aveva litigato con Plant poco prima di salire sul palco.

Ha così spiegato: “L'idea era che avremmo fatto un set di mezz'ora. Ma io dissi, non sto provando per fare un live di mezz'ora! Abbiamo il Live Aid... e il quarantesimo dell'Atlantic. Ho pensato, 'Usciremo là fuori e ne saremo orgogliosi'. Quindi questo significa che dobbiamo fare un set vero e proprio. Ed è quello che abbiamo fatto. Quindi sì, una seconda serata sarebbe stata davvero, davvero bella. In effetti, il giorno dopo iniziai ad essere molto nervoso alle sette e pensai, so cos'è, è perché mi ero impegnato a fare l'O2 e ora non c'è una O2 da fare."

Caricamento video in corso Link

Questo il set dei Led Zeppelin del 10 dicembre alla O2 Arena di Londra:

"Good Times Bad Times"
"Ramble On"
"Black Dog"
"In My Time of Dying"
"For Your Life"
"Trampled Under Foot"
"Nobody's Fault but Mine"
"No Quarter"
"Since I've Been Loving You"
"Dazed and Confused"
"Stairway to Heaven"
"The Song Remains the Same"
"Misty Mountain Hop"
"Kashmir"
"Whole Lotta Love"
"Rock and Roll"

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.