Nick Cave non sarebbe sopravvissuto all'eroina senza i Narcotici Anonimi

Il cantautore australiano consiglia un eroinomane di andare ai' fottuti incontri'.
Nick Cave non sarebbe sopravvissuto all'eroina senza i Narcotici Anonimi

Nick Cave, dalle pagine del suo sito The Red Hand Files, con le quali intrattiene un continuo contatto con il suo pubblico, ha risposto con la sua abituale franchezza a una domanda postagli da Evan, un eroinomane di Portland (Usa) in via di guarigione.

Evan ha scritto al cantautore australiano per essere consigliato esprimendo una opinione sull'aiuto che possono dare i Narcotici Anonimi. Questa la domanda: "Cosa ne pensi dei Narcotici Anonimi? In quanto eroinomane in recupero, ho difficoltà a entrare nei Narcotici Anonimi. Vedo che può aiutare, ma mi sento come se molte persone sostituissero l'uso delle droghe con il parlare di quando ne facevano uso. Sto cercando di trovare un buon sistema di supporto ma è difficile. Forse sono troppo cinico e non gli sto dando una possibilità? Hai altri consigli per un consumatore di eroina in recupero?".

Il frontman dei Bad Seeds che ha avuto grossi problemi di dipendenza dalla droga ai tempi dell'album "Tender Prey" nel 1988, alla fine però è riuscito a venirne fuori e a vincere la sua battaglia contro la droga proprio partecipando regolarmente ai periodici incontri del gruppo di supporto, quindi non può che lodare l'operato dei Narcotici Anonimi.

Queste le parole scelte da Cave per rispondere a Evan da Portland: "Personalmente, ho passato molto tempo con i Narcotici Anonimi, ma capisco la tua resistenza all'idea. L'ho avuta anch'io. Nel mio cuore non l'ho mai veramente capito, non ho mai sentito la stessa connessione che altre persone sembravano avere. Mi sono sempre sentito fuori dall'idea, guardandomi dentro. Non avrei mai potuto impegnarmi completamente.

Tuttavia, penso che sia giusto dire che, se non fosse stato per NA, probabilmente non sarei sopravvissuto alla mia dipendenza da eroina. Narcotici Anonimi era questa cosa, stabile e sempre presente, che non se ne andava mai, un posto in cui potevo tornare strisciando, ancora e ancora, anno dopo anno, ed essere accettato e accolto e accolto di nuovo. In questo senso devo la mia vita ai Narcotici Anonimi. Quando nessun altro mi voleva, i Narcotici Anonimi lo facevano sempre.

La base dei Narcotici Anonimi, i Dodici Passi, una serie di suggerimenti su come vivere una vita - l'originale 'antidoto al caos' - mi sembra essere un modo straordinariamente efficace per navigare nel mondo, per tutte le persone, tossicodipendenti o meno. Detto questo, non seguo personalmente I Dodici Passi, a mio discapito direi. Senza dubbio, sarei una persona migliore se lo facessi.

Alla fine trovi la tua strada. Alla fine io ho trovato la mia fuori da NA, con mia moglie, ma ci sono voluti i Narcotici Anonimi per mostrarmi la strada. Rileggendo la tua lettera, Evan, il mio consiglio per te - e per me - vai a un fottuto incontro."

Questo spassionato consiglio giunge dopo che Nick Cave, in precedenza, si era aperto sui 'bassi' che aveva sperimentato mentre assumeva droghe: "Non sono sicuro di aver raggiunto gli stessi massimi di quei tempi mentre ero sobrio, ma poi di nuovo non ho nemmeno raggiunto il tipo di minimi che alla fine sono arrivati con l'assunzione di quelle 'adorabili sostanze'".

Il 63enne musicista ha recentemente collaborato con il compositore belga Nicholas Lens scrivendo il libretto della nuova opera "L.I.T.A.N.I.E.S", che sarà pubblicata il 4 dicembre, interamente realizzata durante il lockdown. Lens è stato ispirato dai suoi viaggi in bicicletta per Bruxelles e da quelli nei templi giapponesi. Cave aveva già collaborato con Lens scrivendo, nel 2014, il testo dell'opera "Shell Shock".

Ha dichiarato Nick Cave: “Nicholas mi ha chiamato durante il lockdown e mi ha chiesto se volevo scrivere dodici litanie. Sono stato felicemente d'accordo. La prima cosa che ho fatto dopo aver messo giù il telefono è stata cercare 'Cos'è una litania?'. Ho imparato che una litania è una serie di suppliche religiose e mi sono reso conto che avevo scritto litanie per tutta la mia vita".

Caricamento video in corso Link

I prossimi 16, 17 e 18 novembre sarà nei cinema italiani il film-concerto "Idiot prayer" registrato lo scorso giugno all'Alexandra Palace di Londra e trasmesso in streaming a luglio. L’elenco dei cinema che proietteranno il film è disponibile sul sito www.nexodigital.it.

Caricamento video in corso Link
Dall'archivio di Rockol - "Red Right Hand" (da "Distant sky - Live in Copenaghen")
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
20 mag
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.