Spotify, arriva la musica per i podcast

Grazie ad Anchor i creator potranno inserire canzoni nei loro lavori, ma - per il momento - non in Italia
Spotify, arriva la musica per i podcast

Musica legale, concessa in licenza, a disposizione di tutti i creator titolari di podcast su Spotify: questa è la novità che la piattaforma svedese quotata sulla borsa di New York ha annunciato oggi, mercoledì 14 ottobre. L'opzione sarà disponibile per tutti gli utenti di Anchor, il portate di distribuzione dedicato ai podcaster, ma solo in Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Australia, Nuova Zelanda e Irlanda: le royalties degli stream saranno regolarmente corrisposte ai titolari dei diritti. Il nuovo formato è stato lanciato grazie a sette podcast Spotify Original, che hanno introdotto al pubblico le potenzialità della nuova funzione.

"Con i programmi che utilizzano questo nuovo formato gli ascoltatori possono interagire con la musica all'interno degli episodi, nello stesso modo in cui interagiscono con tutte le altre tracce di brani su Spotify - ad esempio, mettere mi piace, salvare e avere maggiori informazioni su una specifica traccia - senza dover lasciare la pagina del podcast per avviare una ricerca manuale", hanno spiegato i responsabili di Spotify, precisando: "I podcast che utilizzano questo formato sono esclusivi di Spotify, perché basati su licenze del nostro catalogo musicale, che vanno a remunerare musicisti e autori proprio come qualsiasi normale streami di un brano musicale su Spotify. Gli utenti Premium ascolteranno i brani in versione integrale all'interno dei podcast, mentre quelli titolari di un account free avranno a disposizione anteprime musicali di 30 secondi".

La novità, tuttavia, ha ancora aspetti da chiarire: il più importante, al momento, pare essere la natura della licenza per i diritti relativi ai brani inseriti nei podcast, che nel formato tradizionale veniva ascritta all'ambito dei diritti di sincronizzazione, mentre - stando ai termini della nuova soluzione - potrebbe rientrare in quello dello streaming a pagamento.

Dall'archivio di Rockol - Dieci oggetti feticcio del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.