Debbie Harry e il bungee jumping in topless

Guarda le immagini di quando si lanciò nel vuoto in Nuova Zelanda nel 1990.
Debbie Harry e il bungee jumping in topless

Intorno alla metà degli anni Settanta, a New York, la cantante Debbie Harry e il chitarrista Chris Stein, che a quel tempo erano fidanzati, formarono i Blondie. Una band che ha avuto un grande successo ed è (per fortuna) sopravvissuta alla fine del loro amore.

Come parte delle celebrazioni per il 40esimo anniversario della band statunitense, nel 2014, Chris Stein pubblicò il libro 'Me, Blondie, and the Advent of Punk'. “Scattavo foto di tutto ciò che mi circondava, tra cui Debbie”, scrive Stein nel libro. "Sono sempre stato consapevole del suo aspetto sorprendente e dell'effetto che aveva sulle persone." Il libro racconta della loro relazione, del loro lavoro e di altro ancora.

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/8dtigMjDVuN1vQZ7heIcgn_8-dY=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/51uwsyrdpul-sx341-bo1-204-203-200.jpg

Nel volume del musicista statunitense sono contenuti degli scatti che riguardano un episodio che ebbe luogo nel 1990 in Nuova Zelanda. Debbie e Chris dopo una serie particolarmente impegnativa di concerti decisero di svagarsi un poco. Lasciamo che sia la stessa Debbie a raccontare cosa accadde: "Ho fatto bungee jumping alla fine di un tour molto lungo e stressante. Lo feci in topless e fu assolutamente ristoratore. Era ad Auckland, in Nuova Zelanda, e fu grande. Probabilmente lo rifarei se fossi dell'umore giusto, ma non dico che è stata la cosa più sensata che abbia mai fatto."

In una intervista una volta venne chiesto alla rockstar se si fosse pentita di avere fatto bungee jumping in topless alla non più verdissima età di 45 anni, Debbie rispose candidamente: "Avrei voluto buttarmi completamente nuda. Ma ero lassù in cima a quella cosa e avevo già i fermi alle caviglie così non potevo sfilare i pantaloncini. Ero davvero delusa. Perché pensai che se stavo per morire, avrei voluto tornare indietro come ero venuta, nuda. Fu fantastico. Fu eccitante, sai?"

Molti si sono chiesti se quella di Debbie Harry non fosse stata in realtà una mossa premeditata per consentire a Stein di scattare delle foto. Il chitarrista, in una intervista rilasciata a Vice, ha però fermamente negato l'insinuazione: "No, non l'ho fatto perché non potevo farlo. Ho guardato appena. Era in Nuova Zelanda probabilmente è stato meno folle di alcune altre buffonate fatte nel corso degli anni. Ma non come lanciare i televisori dalle finestre degli hotel: non siamo mai arrivati a quel punto."

Se volete vedere quegli scatti cliccate qui e qui.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.