Morte di Eddie Van Halen, la clamorosa svista di RaiNews 24

Per il canale di informazione del servizio pubblico il chitarrista collaborò con i Jackson 5: ma è una bufala, perché...
Morte di Eddie Van Halen, la clamorosa svista di RaiNews 24

La scomparsa di Eddie Van Halen ha sconvolto il mondo del rock: la morte del virtuoso della chitarra, pianta da grandi protagonisti della scena musicale internazionale come Aerosmith, AC/DC, Kiss e tanti altri, ha conquistato le prime pagine non solo delle testate specializzate, ma anche dei media generalisti.

Tra le emittenti televisive che hanno dato la notizia, tra la tarda serata di ieri, martedì 6 ottobre, e le prime ore della mattina di oggi, c'è stata anche la rete all news del servizio pubblico, RaiNews 24. Nel servizio andato in onda nell'edizione delle 8.00 del telegiornale del 7 ottobre si ricorda l'artista come virtuoso delle sei corde, ricordando, tra le sue principali collaborazioni, quella con i Jackson 5 - la prima band di Michael Jackson - su "Dancing Machine", con tanto di spezzone video del brano in chiusura dell'annuncio.

Si tratta - come tra l'altro già osservato da un ascoltatore sulla pagina Facebook del canale - di una clamorosa svista: Eddie Van Halen non collaborò mai con i Jackson Five. Il brano incluso nel servizio non è altro che un mash-up, ovvero un remix (non ufficiale, visibile nel frame qui sopra) del brano originale ("Dancing Machine", brano in origine pubblicato nell'ottavo album di studio dei fratelli Jackson, "G.I.T.: Get It Together" del '73) e di "Mean Street", traccia d'apertura della quarta prova in studio sulla lunga distanza dei Van Halen - "Fair Warning" - lanciata sui mercati nel 1981.

Eddie Van Halen effettivamente collaborò con Michael Jackson, ma più di dieci anni dopo l'uscita di "Dancing Machine": il sodalizio tra il Re del Pop e il chitarrista ebbe luogo nel 1982 su "Beat It", brano pubblicato all'interno di "Thriller", l'album di maggior successo di Jackson.

"Lo feci come favore", spiegò Van Halen, che quando ricevette la chiamata del management di Jackson pensò in prima battuto a uno scherzo: "Secondo il resto della band, il nostro manager e tutti gli altri fui completamente pazzo, a prestarmi. Non ero abituato a questo tipo di cose. Ma sapevo cosa stavo facendo: non faccio mai qualcosa, a meno che non voglia farlo".
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.