Enrico Caruso: "La RAI lo celebri", esorta Riccardo Laganà

Il consigliere di amministrazione invita l'emittente di Stato a farsi parte attiva nei festeggiamenti per gli anniversari della morte e della nascita del celebre tenore
Enrico Caruso: "La RAI lo celebri", esorta Riccardo Laganà

Riccardo Laganà, consigliere di amministrazione della RAI, ha diffuso un testo in cui auspica che la RAI "patrocini e coordini" iniziative per celebrare i cento anni dalla morte e i 150 anni dalla nascita.
Ecco il testo integrale della sua lettera.

 

Il 2 agosto del 2021 saranno 100 anni dalla morte di Enrico Caruso e il 25 febbraio del 2023 i 150 anni dalla sua nascita. Un arco temporale di due anni e mezzo ideale per marcare la celebrazione della più importante voce della storia della musica, “il tenore dei tenori”, un italiano ancora oggi famoso e ascoltato in tutto il mondo.

Ritengo che la RAI debba patrocinare e coordinare tali ricorrenze, non soltanto con l'allestimento di programmi per ricordarne la figura e le interpretazioni, e proprio in quanto maggiore azienda culturale del Paese promuovere le più prestigiose iniziative in proposito attraverso un'azione diretta a consentirne l'appropriata visibilità. Un esempio: la biografia di Caruso ci rammenta di incomprensioni mai completamente risolte tra l'Artista e la sua Napoli. Questa dovrà essere l'occasione di una definitiva riconciliazione tra un Nome e una Città parimenti essenziali nell'impronta genetica della Musica mondiale. 
Il Centro di Produzione TV di Napoli potrebbe dunque essere un solido fulcro attorno al quale organizzare l’evento.

Caricamento video in corso Link

Per la RAI sarà la straordinaria opportunità di armonizzare le manifestazioni su scala internazionale, a partire dalla comunità italiana a New York sicuramente molto interessata all’evento, insieme a tutti i soggetti eventualmente interessati a collaborare in concorso con le istituzioni culturali e musicali che da tempo si occupano di custodire le memorie del grande tenore.


La televisione di Stato anche in questi ultimi anni ha spesso ricordato l'Artista. Nel 2009 con il lungometraggio “La voce di Enrico Caruso” realizzato per il Tg2 dal giornalista Michele Bovi e lo scrittore Pasquale Panella la RAI si aggiudicò il Golden Mediamix per il migliore programma prodotto dalle televisioni europee: lo stesso documentario del Tg2 venne inoltre proiettato in contemporanea in 20 teatri italiani, a partire dal Foyer del Teatro dell'Opera di Roma dove Enrico Caruso si era esibito 110 anni prima. Nel 2012 Raiuno propose la miniserie “Caruso, la voce dell'amore” interpretata dal tenore Gianluca Terranova e l'attrice Vanessa Incontrada e sempre Raiuno in collaborazione con il Comune di Sorrento ha trasmesso diverse edizioni del “Premio Caruso”, assegnato di volta in volta ad artisti per varie analogie in sintonia con la sua immagine storica e musicale, come Lucio Dalla, Carla Fracci, Andrea Bocelli, Vittorio Grigolo. 

Caricamento video in corso Link

Nei prossimi tre anni per la RAI si presenta dunque l'occasione di celebrare Enrico Caruso con una varietà di contributi di valore eccezionale: due anniversari potenzialmente in grado persino di conferire all'Italia una condizione favorevole in più nelle relazioni internazionali in termini di simpatia e considerazione per il suo Artista universalmente più celebre di tutti i tempi.

Tanto premesso chiedo all’AD e Presidente di valutare l’opportunità di avviare tutte le procedure necessarie al fine di poter ricordare al meglio un grande artista che ha dato lustro al nostro paese.

 

Riccardo Laganà
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.