Il 1977, la musica italiana e la 'Zerofobia'

Il 1977 è l'anno in cui si afferma Renato Zero con canzoni come "Mi vendo" e "Il cielo".
Il 1977, la musica italiana e la 'Zerofobia'

Nella giornata di oggi Renato Fiacchini, meglio conosciuto con il nome d'arte di Renato Zero, festeggia i settanta anni e li festeggia come meglio non potrebbe. Proprio oggi, infatti, pubblica il primo capitolo di una trilogia intitolata 'Zerosettanta' (leggi qui la nostra recensione) che avrà le sue prossime appendici il 30 ottobre e il 30 novembre. Renato ha un ruolino di marcia artistico-lavorativo del tutto invidiabile, ha infatti, per cinque decenni, conquistato la posizione numero uno nella classifica di vendita. Tra i traguardi che lo attendono nel nuovo decennio, seppur, forse, di un'importanza relativa, anche quello di essere numero in sei decenni.

Caricamento video in corso Link

La carriera discografica del cantautore romano ha inizio – intendendo con gli album – nel 1973 con "No! Mamma no!" seguito, l'anno successivo, da "Invenzioni". La terza prova, "Trapezio" (leggi qui la recensione), è quella che, dopo anni di gavetta, gli spalanca le porte della notorietà. Nel 1977, con il suo quarto disco, "Zerofobia", i tempi sono finalmente maturi per conoscere da vicino un successo che, da lì in poi, non lo ha più abbandonato. Canzoni quali "Il cielo", "Mi vendo", "Morire qui", "Sgualdrina" che è la cover italiana di "Dreamer" della band inglese dei Supertramp, formano lo scheletro del disco e sono ancora oggi tra le canzoni più amate dai fan.

Caricamento video in corso Link
Caricamento video in corso Link

Il 1977, l'anno in cui esplode – nel senso positivo del termine - Renato Zero è associato nel campo musicale alla affermazione del movimento punk in Gran Bretagna, mentre in casa nostra purtroppo si era nel pieno degli anni di piombo. E se oggi negli Stati Uniti si è in attesa di conoscere quale sarà, tra poco più di un mese, il prossimo presidente, nel 1977 si insediò alla Casa Bianca Jimmy Carter. A New York viene aperto il tempio della 'disco music', lo Studio 54, ed è indubbio che echi delle sonorità 'disco' si ritrovano anche in "Zerofobia".

Caricamento video in corso Link

In Italia quell'anno Lucio Battisti pubblica l'album "Io tu noi tutti" con il singolo "Amarsi un po'/Sì viaggiare" che si distingue come il più venduto di tutti. Il cantautore napoletano Pino Daniele debutta con "Terra mia", esce inoltre il settimo album di Lucio Dalla "Com'è profondo il mare", Claudio Baglioni con "Solo", ed è anche l'anno di "E' nell'aria...ti amo" di Umberto Tozzi. C'erano anche i Pooh di "Rotolando respirando" e del singolo "Dammi solo un minuto" e "La pulce d'acqua" di Angelo Branduardi. Il disco più venduto nel nostro paese nel 1977 fu "Burattino senza fili", concept ispirato al Pinocchio di Carlo Collodi, di Edoardo Bennato. Tra tutte queste uscite si fece onore "Zerofobia" che raggiunse, al suo massimo, il quinto posto della classifica di vendita. La via era tracciata, nel 1978 Renato Zero pubblicò "Zerolandia" ed allargò ulteriormente il numero dei suoi tifosi.

Caricamento video in corso Link
Dall'archivio di Rockol - Renato racconta Zero, il folle
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.