Quando Alicia Keys rischiò di 'regalare' la sua hit a Christina Aguilera

La cantautrice non si accorse di avere in mano una signora canzone: quella che le avrebbe cambiato la vita.
Quando Alicia Keys rischiò di 'regalare' la sua hit a Christina Aguilera

Chissà se "If I aint' got you" avrebbe avuto lo stesso successo, se anziché essere interpretata dalla voce calda e soul di Alicia Keys - la sua autrice - fosse stata interpretata da quella più pulita di Christina Aguilera, all'epoca (era il 2003) già popstar di successo con alle spalle milioni di copie vendute e hit come "Genie in a bottle", "What a girl wants", "Lady Marmalade" e "Beautiful". La cantautrice di "Fallin'" rischiò infatti di regalare quella che sarebbe diventata la sua signature song - la canzone con la quale ad oggi viene il più delle volte identificata - proprio alla collega, prima di pubblicarla a proprio nome e di includerla all'interno dell'album "The diary of Alicia Keys", che le permise di conquistare otto nomination ai Grammy Awards del 2005 (due proprio grazie a "If I ain't got you", che si aggiudicò la statuetta come "Best Female R&B Vocal Perormance").

Alicia Keys, che ha appena pubblicato il suo nuovo album, "Alicia", ha rivelato l'aneddoto in una recente intervista concessa a Stereogum:

"Christina Aguilera mi contattò: 'Scriveresti qualcosa per me?'. Iniziammo a scambiarci tante mail. Che voce, pensavo, potrei scrivere qualcosa di importante per lei. Poi passò un po' di tempo e io non ero ancora riuscita a scrivere una canzone. I discografici continuavano a chiedermi: 'Hai qualcosa per Christina?'. In quel periodo avevo appena scritto 'If I ain't got you'".

La cantautrice suggerì ai suoi collaboratori di far avere la demo della canzone alla Aguilera:

"'Sei pazza?', mi risposero, 'non le manderemo quella canzone. Sei fuori di testa?'".

Convinta di saper scrivere altre canzoni come quella, Alicia Keys pensò seriamente di far avere il brano alla collega. Alla fine, però, decise di ascoltare i suggerimenti dei suoi collaboratori: tenne "If I ain't got you" per sé e alla Aguilera mandò "Impossible".

"Non dimenticherò mai di aver pensato di dare via 'If I ain't got you'. Sarebbe stato da pazzi, no? È una bella storia".

"The diary of Alicia Keys" vendette la bellezza di 8 milioni di copie in tutto il mondo, 4,9 milioni solo negli stati uniti. Merito anche di "If I ain't got you", diventato negli anni un classico del repertorio della cantautrice.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.