Ivano Fossati, i Delirium e 'La mia banda suona il rock'

Il cantautore genovese negli anni Settanta.
Ivano Fossati, i Delirium e 'La mia banda suona il rock'

Ivano Fossati il 2 ottobre 2011, ospite del programma televisivo 'Che Tempo Che Fa' condotto da Fabio Fazio, oltre a presentare l'album "Decadancing" (leggi qui la nostra recensione), annuncia, a sorpresa, di volersi ritirare dalla scena musicale dopo l'ultimo concerto a supporto del disco. Cosa che puntualmente avviene il 19 marzo 2012, dopo il concerto al Piccolo Teatro di Milano.

Caricamento video in corso Link

L'addio del cantautore genovese non è di quelli categorici, è sempre complicato immaginarsi il futuro, quindi Fossati non escluse la possibilità di poter scrivere qualche canzone qua e là, da affidare al giusto interprete. Quindi, qualche anno più tardi, nel 2017, accade che Mina gli ricorda come, nel 1997, venti anni prima, loro due avevano pensato di lavorare al progetto di un album comune che poi finì per non realizzarsi e, magari, se ne poteva riparlare. L'invito di Mina lo lusinga, ma, fedele al suo proposito si prende del tempo. Cronaca vuole che la moglie di Fossati lo abbia minacciato di abbandono nel caso avesse declinato la proposta della signora Mazzini. Così, 12 canzoni dopo, nel novembre 2019, esce "Mina Fossati" (leggi qui la nostra recensione).

Caricamento video in corso Link

Ma prima dell'album con Mina, prima del ritiro, prima dei molti dischi solisti e delle decine e decine di canzoni scritte per sé oppure portate al successo da altri colleghi, Ivano Fossati – il musicista proprio oggi compie 69 anni (tanti auguri!) - era un giovane di belle speranze che, nel 1971, nella sua Genova, entra nei Sagittari, che diventeranno Delirium, e abbraccia le sonorità prog tanto in voga in quel periodo. Nei Delirium Fossati canta e suona chitarra e flauto. Il primo 45 giri inciso dalla formazione, in quel 1971, è "Canto di Osanna".

Caricamento video in corso Link

L'anno seguente i Delirium si presentano in gara al festival di Sanremo con la canzone "Jesahel" – il cui testo è scritto da Fossati, mentre la musica è opera di Oscar Prudente – ottenendo un lusinghiero sesto posto nella classifica finale. Per la cronaca a vincere la manifestazione fu Nicola di Bari con "I giorni dell'arcobaleno". Sempre nel 1972 la formazione ligure partecipa anche a 'Un disco per l'estate' con il brano "Haum!".

Caricamento video in corso Link

Ivano Fossati chiude la sua breve (un paio di anni scarsi) e fortunata esperienza con i Delirium, per dare inizio al suo percorso solista pubblicando, già l'anno seguente, nel 1973, l'album, "Il grande mare che avremmo traversato". Il successo, quello da classifica, gli arriderà nel 1979 con la canzone "La mia banda suona il rock", inclusa nell'eponimo album (leggi qui la nostra recensione). Canzone mai troppo amata da Fossati, ma grande trampolino di lancio per la sua carriera solista che prenderà il volo negli anni Ottanta.

(Paolo Panzeri)

Caricamento video in corso Link
Dall'archivio di Rockol - racconta Giorgio Gaber
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.