Stipendio aumentato, ma Levy (EMI) resta il più 'povero' tra i boss discografici

Un articolo del Financial Times fa i conti in tasca ad Alain Levy, capo della divisione discografica della EMI, per arrivare a conclusioni piuttosto interessanti e anche sorprendenti. Si viene a sapere che a dispetto della crisi, e in virtù di un aumento di stipendio concordato contrattualmente con i proprietari della società, il top manager francese ha percepito nel 2005 quasi il 30 % in più di quanto guadagnato l’anno precedente: 2,05 milioni di sterline (3,07 milioni di euro), di cui 1 milione corrisponde al suo stipendio base e il resto a “bonus” maturati a vario titolo nel periodo. A dispetto di ciò, Levy guadagna una cifra annua sensibilmente inferiore a quella incassata dal capo delle edizioni EMI, Marty Bandier (3,1 milioni di sterline, pari a 4,65 milioni di euro), ed è pagato meno dei colleghi che guidano le altre major, Warner, Universal e Sony BMG: è, insomma, il più 'povero' (si fa per dire) dei top manager del mondo discografico.
Music Biz Cafe Summer: le collecting e l'emergenza Covid
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.