Rolling Stones, guarda il video di "All the Rage"

Il terzo brano 'riscoperto' della band inglese incluso nella ristampa di “Goats Head Soup”.
Rolling Stones, guarda il video di "All the Rage"

I Rolling Stones hanno pubblicato il video di "All the Rage", la terza e ultima canzone precedentemente non disponibile inclusa nella ristampa di “Goats Head Soup” (leggi qui la nostra recensione) uscita ieri, venerdì 4 settembre.

Caricamento video in corso Link

Registrata alla fine del 1972 a Kingston, Giamaica, "All the Rage", è già apparsa in bootleg come "You Should Have Seen Her Ass". Ma, come ha rivelato Mick Jagger a UDiscoverMusic, ha deciso di scrivere qualche nuova parola per il suo debutto ufficiale. Il frontman della band inglese ha dichiarato: "È un brano rock molto Rolling Stones. Non era finita, non aveva una voce finita e anche i testi, [quindi] li dovevo finire. Ma le parti di chitarra, credo, fossero tutte finite. Si potevano aggiungere le percussioni, ma è quello che si sarebbe fatto comunque, e poi [aggiungere] un po' più di maracas e cose del genere."

Quando è stata fatta notare a Keith Richards la somiglianza con “Brown Sugar”, il chitarrista degli Stones non si è nascosto dietro molti giri di parole: "Ha quello stampo. Alcune canzoni sembrano essere strettamente correlate, cugine l'una dell'altra. Me ne ero dimenticato fino a quando non l'ho sentita di nuovo, ma sì, mi viene in mente, ora che lo dici, [come] simile a "Brown Sugar"”.

Gli altri due brani portati alla luce nella ristampa di “Goats Head Soup” sono "Criss Cross" e "Scarlet" con Jimmy Page. All'inizio della settimana, Jagger ha dichiarato che, quando gli è stata proposta l'idea di includerli nel disco, ha pensato: "'Sono tutti terribili!' Questa è sempre la mia reazione iniziale, 'Sono tutti inutili!' Voglio dire, in realtà, mi sono sempre piaciute quelle canzoni, ma non erano finite". Quando invece le ha sentite ripulite si è reso conto che "queste tre canzoni sono lì, insieme con il resto delle canzoni di questo disco".

Dall'archivio di Rockol - Quella volta che i Rolling Stones subirono un attentato terroristico...
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.