Il live streaming di Amazon Music è pronto: grazie a Twitch

La piattaforma musicale americana integra la funzione resa celebre e necessaria dal covid 19, e brucia sul tempo Spotify. Il commento.
Il live streaming di Amazon Music è pronto: grazie a Twitch

Il 4 settembre saranno due membri dei Killers, Brandon Flowers e Ronnie Vannucci Jr, a lanciare il nuovo Twitch Channel su Amazon Music, che ieri ne ha preannunciato il debutto con un comunicato stampa precisando che sono già oltre 1000 gli artisti che hanno collegato il loro account al nuovo canale integrato. I due Killers, primi protagonisti di primo piano con uno speciale verticale e monografico, saranno comunque preceduti il 3 settembre dal live streaming da Londra della cerimonia di premiazione degli Heavy Music Awards.

Twitch, che quest'anno aveva già dovuto affrontare alcuni problemi legali ma che si era distinta anche per le iniziative a favore degli artisti emergenti con la casa madre, è un asset di Amazon dal 2014, quando venne acquistata dal gigante di Seattle per 970 milioni di dollari. Oggi quell'investimento fa tornare in mente quello varato da Facebook per acquisire Instagram, non solo per la cifra simile ma per il potenziale ritorno sull'investimento stesso. L'integrazione con Amazon Music, che utilizzando Prime è stata protagonista di una crescita accelerata e conta oggi su una platea di circa 55 milioni di iscritti che la rendono un concorrente temibilissimo per Spotify e Apple Music, è un passo in avanti che mostra un assaggio significativo del futuro delle piattaforme musicali e dell'industria tutta. Amalgamare l'ascolto (o la visione) di brani on demand con il live streaming è una metafora della fusione tra i comparti della discografia e della promozione dal vivo. Confini sempre più labili, controllo (o, per i big, auto-controllo) dell'attività dell'artista a 360° e per le piattaforme un significativo potenziale di cross-selling e up-selling, grazie al crescente tasso di coinvolgimento di ascoltatori e fans.

L'altro messaggio del canale Twitch è diretto alla concorrenza. Mentre la vecchia Napster veniva acquisita giorni fa per 70 milioni di dollari da Melody VR (un cammino inverso a quello compiuto 6 anni fa da Amazon con Twitch), ora cresce l'attesa per le prossime ineluttabili mosse sul mercato. Quelle - in ordine rigorosamente alfabetico - di Apple Music, Spotify, TikTok, Triller, oppure del loro ancora poco prevedibile combinato disposto. Con annessa guerriglia di marketing per accaparrarsi esclusive, o presunte tali.

(gdc)

Dall'archivio di Rockol - Quando la rockstar mostra il medio
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.