Elton John, guerra aperta con l'ex moglie: 'Tentò il suicidio', 'Vuole solo i soldi'

Prende una bruttissima piega la causa di indennizzo per la supposta illegalità delle rivelazioni contenute nell'autobiografia della star di 'Rocket Man'
Elton John, guerra aperta con l'ex moglie: 'Tentò il suicidio', 'Vuole solo i soldi'

Quella che pareva essere una schermaglia legale come tante tra (facoltosi) ex coniugi sta diventando una battaglia combattuta a suon di pesanti rivelazioni a mezzo stampa: intorno alla causa intentata dall'ex moglie di Elton John Renate Blauel alla voce di "Tiny Dancer" stanno fiorendo dichiarazioni a tinte fosche che stanno mobilitando la stampa britannica (scandalistica e non) al gran completo.

Ad aprire il fuoco è stata la Blauel: in una serie di documenti depositati dallo staff legale della donna presso la corte inglese è emerso come l'allora partner dell'artista tentò il suicidio già al terzo giorno della luna di miele, che la coppia trascorse in una villa di Saint Tropez. Secondo la ricostruzione, la Blauel tentò il suicidio perché depressa in seguito alla scoperta che "il matrimonio non funzionava": trovata in un'ala della magione dallo staff di John, la neosposa fu portata presso l'ospedale locale, dove fu sottoposta a lavanda gastrica. Non appena ristabilitasi, la donna sarebbe stata riaccompagnata a Londra dall'entourage del marito, e "riammessa" alla luna di miele solo due settimane dopo.

Non si è fatta attendere la replica del team legale del cantante. "Elton ha sempre rispettato la privacy di Renate e continuerà a farlo", ha spiegato uno degli avvocati dell'artista, Jenny Afia: "E' ampiamente documentato come il loro matrimonio fosse del tutto civile e il rapporto mantenuto dalla coppia dopo il divorzio sia stato gentile, rispettoso e onorevole per trent'anni. Troviamo sconcertante che questa causa sia incentrata sulla privacy quando in ogni fase di questo procedimento Renate ha scelto di rendere le sue testimonianze di pubblico dominio - quando avrebbe potuto scegliere di mantenerle riservate - su presunte esperienze accadute durante il loro matrimonio, che va completamente contro l'intero spirito del caso. Questo non fa altro che dimostrare che il vero scopo di questa causa sia quello di estorcere una grossa somma di denaro a Elton e offuscarne pubblicamente la reputazione per mezzo di falsità".

La Blauel ha chiesto tre milioni di sterline a titolo di risarcimento per essere stata menzionata in alcuni passaggi dell'autobiografia "Me": secondo l'accusa, i passaggi inseriti nel volume, oltre a essere coperti da un presunto accordo di riservatezza sottoscritto dopo la separazione, avrebbero causato alla controparte "gravi disagi psicologici".

Dall'archivio di Rockol - Il "Farewell Yellow Brick Road Tour" all'Arena di Verona
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.