TikTok, azione legale contro il decreto di Trump

L’app cinese ha intenzione di intraprendere un’azione legale contro l’ordine di Trump che vieta, a partire da settembre, ogni transazione con TikTok e la società madre Bytedance.
TikTok, azione legale contro il decreto di Trump

Dopo che Donald Trump ha fatto sapere di voler ordinare a ByteDance di cedere la sua quota di TikTok, il social accusato di essere diventata uno strumento nelle mani di Pechino per spiare gli americani, la società cinese della popolare app si è mossa per cercare una realtà statunitense a cui vendere la sua partecipazione nelle operazioni della popolare piattaforma di video sharing negli Stati Uniti. Le società in trattative per una potenziale acquisizione di TikTok sono Microsoft e Oracle. All’inizio del mese di agosto l’attuale inquilino della Casa Bianca, dopo che il Senato degli Stati Uniti ha approvato all'unanimità la legge che vieta di scaricare e utilizzare l'app cinese su tutti i dispositivi forniti dal governo americano ai suoi dipendenti o ai membri del Congresso, ha firmato un decreto che vieta dopo metà settembre ogni transazione con TikTok e la società madre Bytedance, obbligandola a una cessione della app cinese. Ieri, 22 settembre, il New York Times ha fatto sapere che TikTok ha confermato di voler presentare un’azione legale contro l’ordine esecutivo di Donald Trump, sostenendo che si è verificata “la mancanza di un giusto processo” nella procedura della decisione e che era stata ingiustamente e scorrettamente trattata come una minaccia alla sicurezza nazionale americana.

    Dopo che Donald Trump ha fatto sapere di voler ordinare a ByteDance di cedere la sua quota di TikTok, il social accusato di essere diventata uno strumento nelle mani di Pechino per spiare gli americani, la società cinese della popolare app si è mossa per cercare una realtà statunitense a cui vendere la sua partecipazione nelle operazioni della popolare piattaforma di video sharing negli Stati Uniti. Le società in trattative per una potenziale acquisizione di TikTok sono Microsoft e Oracle. All’inizio del mese di agosto l’attuale inquilino della Casa Bianca, dopo che il Senato degli Stati Uniti ha approvato all'unanimità la legge che vieta di scaricare e utilizzare l'app cinese su tutti i dispositivi forniti dal governo americano ai suoi dipendenti o ai membri del Congresso, ha firmato un decreto che vieta dopo metà settembre ogni transazione con TikTok e la società madre Bytedance, obbligandola a una cessione della app cinese. Ieri, 22 settembre, il New York Times ha fatto sapere che TikTok ha confermato di voler presentare un’azione legale contro l’ordine esecutivo di Donald Trump, sostenendo che si è verificata “la mancanza di un giusto processo” nella procedura della decisione e che era stata ingiustamente e scorrettamente trattata come una minaccia alla sicurezza nazionale americana.

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.