Addio a Frankie Banali, batterista dei Quiet Riot

Aveva 68 anni.
Addio a Frankie Banali, batterista dei Quiet Riot

Ieri, 20 agosto, si è spento all’età di 68 anni Frankie Banali, batterista dei Quiet Riot. L’addetto ai tamburi della band heavy metal statunitense si è spento dopo una battaglia contro il cancro al pancreas. A Banali era stato diagnosticato il tumore nell’aprile del 2019 e l’artista avevo reso pubbliche le sue condizioni di salute attraverso un post condiviso da Mitch Lafon su Facebook lo scorso ottobre.

La notizia della morte di Frank Banali è stata data dall’etichetta discografica Frontiers Music con un messaggio pubblicato sui social.

Frankie Banali, nato il 14 novembre 1951 nel Queens, a New York, si trasferì a Los Angeles nel 1975 e suonò con vari gruppi come, tra gli altri, gli Steppenwolf. Nel 1979 Banali e il bassista Dana Strum presero parte a delle sessioni di prova con l’allora chitarrista dei Quiet Riot Randy Rhoads e Ozzy Osbourne, mentre quest’ultimo era alla ricerca di un chitarrista per formare un nuovo gruppo. Nel 1980 Banali formò insieme a Kevin DuBrow i DuBrow, gruppo al quale si unirono poi il chitarrista Carlos Cavazo e il bassista Chuck Wright. Dopo che quest’ultimo fu sostituito da Rudy Sarzo, DuBrow cambiò il nome della band in Quiet Riot, lo stesso della formazione di DuBrow con Sarzo e Randy Rhoads prima che questo si unisse alla band di Osbourne. Il primo album dei Quiet Riot pubblicato con Frankie Banali è “Metal Health” del 1983, che raggiunse la prima posizione della Billboard 200 qualche mese dopo la sua uscita. Frank Banali collaborò con gli W.A.S.P., suonando la batteria nell’album “The headless children” del 1988, e successivamente andò in tour con loro.

Dopo aver sostituito Mark Michals durante il tour dei Faster Pussycat a supporto del loro album “Wake me when it's over” del 1989, Banali formò una band chiamata Heavy Bones con il chitarrista Gary Hoey. Nel 1993 Frankie Banali tornò tra le fila dei Quiet Riot, riprendendo il posto dietro la batteria al posto di Bobby Rondinelli, che si unì ai Black Sabbath. Dopo la pubblicazione dell’album “Guilty Pleasures”, nel 2003 i Quiet Riot si sciolsero ma l’anno successivo Banali e DuBrow riformarono il gruppo con Chuck Wright e un nuovo chitarrista, Alex Grossi. Con la morte di DuBrow, avvenuta nel 2007, nel 2008 Banali annunciò lo scioglimento della band ma nel 2010 rimise insieme il gruppo con Wright e Grossi. Nel 2014 i Quiet Riot pubblicarono “10”, il loro primo album in otto anni. L’ultima fatica discografica data alle stampe dalla band è “Hollywood Cowboys” del 2019.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.