Duff McKagan dei Guns N ’Roses racconta il dramma delle sue dipendenze alla figlia di Chris Cornell

I due sono stati protagonisti di un dialogo per il podcast "Mind Wide Open". McKagan: "Bevevo un litro di vodka al giorno e poi mi facevo di cocaina".
Duff McKagan dei Guns N ’Roses racconta il dramma delle sue dipendenze alla figlia di Chris Cornell

Il bassista dei Guns N ’Roses Duff McKagan ha parlato delle sue battaglie contro la dipendenza, la depressione e l'ansia nell'ultimo episodio del podcast sulla salute mentale condotto dalla figlia maggiore del defunto Chris Cornell, Lily. "Mind Wide Open", che ha debuttato il mese scorso, vede la ragazza, figlia del musicista morto nel 2017, discutere di problemi di salute mentale con professionisti medici, celebrità e musicisti. Nell'ultimo episodio, McKagan ha ricordato di aver avuto il suo primo attacco di panico all'età di 16 anni, mentre faceva la doccia. "All'improvviso non riuscivo a respirare, stavo sudando sotto la doccia...ricordo di aver aperto la porta della doccia per uscire, strisciare fuori dal pavimento e chiamare mia madre", ha detto McKagan.

Dopo che Lily ha raccontato dei problemi di suo padre con la dipendenza, McKagan ha poi svelato molti dei suoi eccessi: "Bevevo fino a un litro pieno di vodka al giorno. E poi mi facevo anche di cocaina, che di certo non fa bene per chi come me soffre di attacchi di panico". Il podcast ha anche visto McKagan raccontare l'incidente nel 1994 quando il suo pancreas non ha più retto al consumo di alcol, una storia che aveva raccontato in precedenza nella sua autobiografia del 2012.  Ha continuato descrivendo il suo compagno di band Slash come una "persona sicura", capace di farlo rimanere sobrio.

Sul finire del mese scorso i Guns N’ Roses hanno riprogrammato le date in Nord America del loro tour mondiale, sospeso come molti altri a causa dell’emergenza sanitaria legata al Covid-19. Ai concerti Oltreoceano, che andranno in scena nell’estate 2021, si aggiungono ora i live europei, annunciati dalla band di Axl Rose via social. La notizia, però, per i fan italiani del gruppo di “Welcome to the Jungle” non è delle migliori, visto che la formazione statunitense ha lasciato intendere, pur senza citarla esplicitamente, che l’unica data prevista dai Guns N’ Roses in Italia, che avrebbe dovuto andare in scena a Firenze il 12 giugno 2020, è stata cancellata e non sarà recuperata nel 2021.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.