MiBACT, un fondo da 12 milioni per gli organizzatori di concerti

Il fondo è rivolto agli organizzatori di concerti che abbiano dovuto cancellare, annullare o rinviare, a causa della pandemia almeno uno spettacolo in Italia
MiBACT, un fondo da 12 milioni per gli organizzatori di concerti

Il MIBACT - Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo - ha firmato un nuovo decreto a sostegno dell’industria della musica. Dopo quello del 5 agosto, indirizzato a alla discografia e alla musica registrata - quello di oggi 11 agosto è dedicato alla musica dal vivo.

Si tratta di un 1contributo da 2 milioni di euro per i concerti annullati, erogato sempre attraverso  il fondo emergenze imprese e istituzioni culturali introdotto con il Decreto Rilancio.

Il fondo è rivolto agli organizzatori di concerti che "abbiano dovuto cancellare, annullare o rinviare, a causa della pandemia almeno uno spettacolo in Italia, per un pubblico di almeno 1.000 persone se all'aperto e di 200 persone se al chiuso, nel periodo compreso tra il 23 febbraio 2020 e il 30 settembre 2020".

Possono presentare domanda i promoter e organizzatori con sede legale in Italia, che hanno organizzato almeno dieci eventi tra il 1° gennaio 2019 e il 29 febbraio 202 e che siano in regola con la SIAE, con obblighi previdenziali, fiscali e assicurativi e che non abbiano procedure fallimentari in corso o  condizioni ostative alla contrattazione con le pubbliche amministrazioni. I richiedenti non devono inoltre essere beneficiari del contributo ordinario del Fondo unico dello spettacolo nel triennio 2018-2020. 
Secondo quanto riportato dall’agenzia ANSA, le risorse sono così suddivise in due categorie: 10 milioni di euro da ripartire in proporzione ai minori ricavi accertati nel periodo 23 febbraio - 31 luglio 2020 rispetto al medesimo periodo dell'anno precedente e  2 milioni di euro da ripartire in proporzione ai costi aggiuntivi sostenuti per le operazioni di rimborso dei concerti di musica leggera cancellati definitivamente a causa delle misure per il contenimento della pandemia (operazioni connesse ai voucher).

Ha dichiarato il ministro Franceschini:

Con questo intervento il governo interviene per ristorare parzialmente le perdite subite in questi mesi difficili dagli organizzatori di concerti, che ancora adesso stanno conoscendo un momento particolarmente critico". Possono presentare domanda di contributo gli organizzatori di concerti di musica che abbiano dovuto cancellare, annullare o rinviare, a causa dell'emergenza epidemiologica da Covid-19, almeno uno spettacolo programmato in Italia, per un pubblico di almeno 1.000 persone se all'aperto e di 200 persone se al chiuso, nel periodo compreso tra il 23 febbraio 2020 e il 30 settembre 2020.   

Il decreto sarà disponibile sul sito del Mibact ad avvenuta registrazione ed entro cinque giorni la Direzione generale Spettacolo pubblicherà un avviso con le modalità e le scadenze per la presentazione delle domande di contributo, per le verifiche documentali e l’assegnazione dei contributi.

 

 

ISTRUZIONI PER LA GESTIONE DI BIGLIETTI GIA' ACQUISTATI PER DATE SOSPESE: CLICCA QUI

Music Biz Cafe, parla Paola Marinone (BuzzMyVideos)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.