R.E.M., venticinque anni fa il concerto a Catania: ‘Resterà sempre nei nostri ricordi’

Il 6 agosto 1995 Michael Stipe e soci portarono la loro musica ai piedi dell'Etna, per uno show che ebbe come protagonisti anche i Radiohead.
R.E.M., venticinque anni fa il concerto a Catania: ‘Resterà sempre nei nostri ricordi’

Dopo il tour a supporto del loro sesto album in studio, “Green” del 1988, i R.E.M. decisero di stare lontani dai palchi e di non intraprendere nessuna tournée dopo le pubblicazioni di “Out of Time” e “Automatic for the People” - pubblicati rispettivamente nel 1991 e nel 1992. Solo con l’arrivo sui mercati di “Monster” del 1994, Michael Stipe e soci fissarono la loro ripresa delle attività dal vivo. Così, il 13 gennaio 1995 a Perth, in Australia, la formazione di Athens (Georgia) diede il via a una lunga serie di show per portare la propria musica in tutto il mondo. L’Italia non venne dimenticata dai R.E.M., che si esibirono nel nostro Paese sia a febbraio del 1995 - in occasione di quattro concerti in programma a Torino, Roma, Milano e Casalecchio di Reno - che ad agosto dello stesso anno.

Il 6 agosto 1995, infatti, grazie all’impegno di Francesco Virlinzi, Stipe e compagni fecero tappa a Catania. Dopo il set dei Radiohead, che si esibirono in apertura, i R.E.M. salirono sul palco dello Stadio Cibali e portarono in scena un concerto grazie al quale - come ricordato da Massimo Cotto nel suo libro “Rock Live”  - la città siciliana “diventò per qualche anno una piccola Seattle. Di più: la molla di un movimento, perché quel Rinascimento catanese si allargò a tutta la Sicilia e, perdonatemi la retorica, a tutto il Sud”.

Caricamento video in corso Link

“Abbiamo voluto tutti così bene a Francesco Virlinzi”, ha detto Michael Stipe - come riportato da Sicilian Post - ricordando quello show, che si è aperto con “What's the Frequency, Kenneth?”, e l’uomo che lo ha reso possibile, Virlinzi. Stipe ha aggiunto:

“Amavamo la sua energia e il suo entusiasmo per la musica e l’arte. Per la vita, in generale. Era un nostro amico, non un fan. Mi aveva affascinato con le foto che ci aveva scattato e che rispecchiavano il nostro stile psichedelico di quel tempo. Ci aveva tanto parlato della sua terra che noi volevamo suonare in Sicilia: il concerto di Catania resterà sempre nei nostri ricordi”.

Thom Yorke e soci, dopo alcune date a supporto del loro album “The Bends” - pubblicato il 13 marzo 1995 -  seguirono in tour i R.E.M. per la branca europea della tournée di “Monster”  e il 6 agosto 1995 aprirono le date del concerto che andò in scena ai piedi dell’Etna, davanti a una folla di persone provenienti da tutta Italia e dall’estero. “My Iron Lung”, “High and Dry”, “Creep” e “Fake Plastic Trees” furono alcune delle 9 canzoni presentate dal vivo dai Radiohead, prima che lasciassero il palco a Stipe e soci.

Caricamento video in corso Link

I R.E.M. sul palco dello Stadio Cibali di Catania proposero una scaletta di 26 brani, presentando sia pezzi tratti dal loro album del 1994 - come, tra gli altri, “What's the Frequency, Kenneth?”, “Crush with Eyeliner", "Strange Currencies” e “Let Me In” - sia canzoni dei loro dischi precedenti come, per esempio, “Losing My Religion” (da “Out of Time” del 1991), “Everybody Hurts” (da “Automatic for the People” del 1992) e “It's the End of the World as We Know It (And I Feel Fine)” (da “Document” del 1987). Quest’ultima canzone chiuse il concerto che - secondo Francesco Virlinzi - fu “la data del riscatto di un territorio che dopo tanti anni sta veramente facendo parlare bene e tanto partendo proprio dalla musica, dall’arte, da situazioni che all’aspetto possono sembrare futili, come appunto un concerto rock”.

Caricamento video in corso Link

Ecco la scaletta:

What's the Frequency, Kenneth?
Crush With Eyeliner
Drive
Disturbance at the Heron House
Me in Honey
Try Not to Breathe
The Wake-Up Bomb
Bang and Blame
Undertow
I Took Your Name
Strange Currencies
Revolution
Tongue
Man on the Moon
Country Feedback
Half a World Away
Losing My Religion
Departure
Finest Worksong
Get Up
Star 69

Bis:

Let Me In
Everybody Hurts
Fall on Me
Pop Song 89
It's the End of the World as We Know It (And I Feel Fine)

Dall'archivio di Rockol - Mike Mills e Michael Stipe raccontano l'eredità del gruppo
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.