YouTube, l’annuncio: a ottobre Google Play smetterà di funzionare

Il progetto era cosa nota e ora YouTube svela le tempistiche del passaggio che farà confluire Google Play in YouTube Music.
YouTube, l’annuncio: a ottobre Google Play smetterà di funzionare

YouTube aveva già fatto sapere nei mesi scorsi dei suoi piani di porre fine all’esperienza Google Play, con l’intenzione di inglobare il servizio all’interno di YouTube Music. Ora la piattaforma di video streaming con quartier generale a San Bruno, in California, ha fornito per vie ufficiali qualche dettaglio in più sulle tempistiche e sulle modalità del passaggio, inizialmente annunciato come previsto “entro la fine dell’anno”: a tre anni da quando Lyor Cohen, a capo della sezione musicale di YouTube, aveva svelato l’idea di unire i due servizi il team dell’azienda ha precisato che "YouTube Music sostituirà Google Play Music entro dicembre 2020", ma – riferisce MusicAlly - "a partire da settembre 2020 in Nuova Zelanda e in Sudafrica, e in ottobre per tutti gli altri mercati globali, gli utenti non saranno più in grado di trasmettere in streaming o utilizzare l'app Google Play Music". Utenti che potranno comunque, in quell’arco di tempo, trasferire le loro librerie musicali da Google Play Music a YouTube Music”. Riassumendo, tra i mesi di settembre e ottobre gli utenti di Google Play Music dovranno, se lo vorranno, passare a YouTube Music, ma avranno tempo fino a dicembre per trasferire i loro dati, dalle playlist agli acquisti di musica, ai "Mi piace". Riporta ancora MusicAlly: “Gli ascoltatori possono anche scegliere di eliminare i loro dati di Google Play Music e avviseremo chiaramente tutti gli utenti prima di perdere l'accesso a Google Play Music libreria e dati ".

    YouTube aveva già fatto sapere nei mesi scorsi dei suoi piani di porre fine all’esperienza Google Play, con l’intenzione di inglobare il servizio all’interno di YouTube Music. Ora la piattaforma di video streaming con quartier generale a San Bruno, in California, ha fornito per vie ufficiali qualche dettaglio in più sulle tempistiche e sulle modalità del passaggio, inizialmente annunciato come previsto “entro la fine dell’anno”: a tre anni da quando Lyor Cohen, a capo della sezione musicale di YouTube, aveva svelato l’idea di unire i due servizi il team dell’azienda ha precisato che "YouTube Music sostituirà Google Play Music entro dicembre 2020", ma – riferisce MusicAlly - "a partire da settembre 2020 in Nuova Zelanda e in Sudafrica, e in ottobre per tutti gli altri mercati globali, gli utenti non saranno più in grado di trasmettere in streaming o utilizzare l'app Google Play Music". Utenti che potranno comunque, in quell’arco di tempo, trasferire le loro librerie musicali da Google Play Music a YouTube Music”. Riassumendo, tra i mesi di settembre e ottobre gli utenti di Google Play Music dovranno, se lo vorranno, passare a YouTube Music, ma avranno tempo fino a dicembre per trasferire i loro dati, dalle playlist agli acquisti di musica, ai "Mi piace". Riporta ancora MusicAlly: “Gli ascoltatori possono anche scegliere di eliminare i loro dati di Google Play Music e avviseremo chiaramente tutti gli utenti prima di perdere l'accesso a Google Play Music libreria e dati ".

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.