I Killers e quegli abusi sessuali nel backstage del loro concerto

Il raccapricciante racconto pubblicato in rete dall'ex fonica della band.

I Killers e quegli abusi sessuali nel backstage del loro concerto

Sesso a turno in camerino con una ragazza drogata e priva di conoscenza per i vari membri dello staff, dai macchinisti ai roadies, che potevano approfittare del suo corpo inerme, abusandone per voi vantarsene con gli altri. La raccapricciante storia di quello che succedeva nel backstage del concerto dei Killers, la band alternative rock statunitense salita alla ribalta nel 2003 grazie alla hit "Mr. Brightside", è stata raccontata sui social dalla loro ex fonica, Chez Cherrie, che ha puntato il dito contro il gruppo per non essersi accorto di niente: "L'unico membro della band che non faceva parte di tutta questa merda era Brandon (il frontman), che viaggiava su un autobus diverso con sua moglie e i figli. Non voleva farne parte, ma non è possibile che non sapesse niente di quello che succedeva", ha scritto.

La donna, per la verità, aveva denunciato il presunto incidente in un post già nel 2015, ma senza entrare troppo nei dettagli e soprattutto senza rendere noto il nome della band. Cosa che ha fatto ora, per chiedere ai Killers di indagare e denunciare i molestatori: "Sono sempre stata circondata da colleghi maschi e avevo paura di rovinarmi la carriera ed essere accusata di essere una pazza femminista, un'esaltata. Ora voglio rendere giustizia a quella ragazza. Certo, magari era consenziente, ma non riesco a immaginare nessuno che sia disposto ad essere abusato e poi lasciato nudo sul pavimento di un bagno. Ovunque tu sia, ti chiedo scusa. Non lascerò più che accada una cosa del genere".

Il racconto della fonica fa riferimento a un concerto tenuto dai Killers a Milwaukee, in Wisconsin, nell'aprile del 2009, nel bel mezzo del tour di "Day & Age", il disco che consacrò la band capitanata da Brandon Flowers anche grazie alla hit "Human". La ragazza, stando al racconto della fonica, era chiusa in un camerino, a disposizione di chiunque volesse abusarne: bastava scrivere il proprio nome su un elenco affisso fuori dalla porta.

La reazione della band non si è fatta attendere. I Killers si sono detti "stupiti e scioccati" dalle affermazioni. E hanno affidato la loro risposta al racconto del presunto incidente ad una nota diffusa dai loro avvocati:

"Qualsiasi accusa di comportamento inappropriato da parte di chiunque faccia parte della crew dei Killers è presa molto sul serio dalla band. La storia raccontata da questa persona fa paura e sebbene oggi ai tour dei Killers non lavorino le stesse persone che lavoravano con la band nel 2009, condurranno un'indagine approfondita sul personale del tour presente e passato. Il loro team legale rintraccerà questa persona per ottenere ulteriori informazioni e fare chiarezza sui presunti incidenti".

La fonica ha commentato:

"Il fatto che la band non smentisca quello che ho scritto è un buon segno. E apprezzo la loro intenzione di mettersi in contatto con me. Ora aspetto notizie da loro. e voglio sapere come risolveranno questo problema".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.