'Chi Nick Cave? L'attore?': la storia del piano che il cantautore ha suonato in streaming

L'esilarante racconto che ha per protagonista Cave, il suo manager e una centralinista dell'azienda italiana.
'Chi Nick Cave? L'attore?': la storia del piano che il cantautore ha suonato in streaming

C'era anche un po' di Italia nel concerto in streaming di Nick Cave registrato all'Alexandra Palace di Londra, trasmesso in rete lo scorso giovedì. Il pianoforte suonato dal frontman dei Bad Seeds era infatti un Fazioli, azienda italiana che produce pianoforti a coda e da concerto con sede a Sacile, in Friuli-Venezia Giulia. Nick Cave ha raccontato storia - che ha anche dell'esilarante - di come è riuscito a procurarsi lo strumento rispondendo a una domanda di un fan sul suo sito The Red Hand Files.

"Il ragazzo che ha registrato la performance all'Alexandra Palace mi ha raccomandato vivamente di suonare quel piano. Nel momento in cui mi sono seduto al Fazioli, il suono caldo, morbido e sfumato mi ha parlato come nessun piano aveva mai fatto prima. Sono stato spazzato via dalla sua straordinaria gamma tonale. Mi sembrava lo strumento più bello che avessi mai suonato", esordisce Nick Cave nel post. Il cantautore ha espresso così al suo manager il desiderio di suonare proprio un Fazioli e di avergli suggerito di contattare l'azienda per chiedere un omaggio: "Quando sei un musicista famoso, le case produttrici ti danno roba gratis: ma io non ho mai sponsorizzato uno strumento musicale e in questo senso penso di essere l'unico nel mio campo. Ma adoravo quel Fazioli. Così ho detto al mio manager: 'È arrivato il momento di vendere la mia anima'".

Il manager del musicista si è messo dunque in contatto con l'azienda italiana. A questo punto il racconto si fa divertente - lo riportiamo così come lo ha scritto Cave sul suo blog.

Il manager: "Rappresento il grande artistica Nick Cave e ci piacerebbe avere un Fazioli gratis".
Donna dall'altra parte del telefono: "L'acttore?"
Il manager: "Cosa?"
La donna: "L'attore?"
Il manager: "No, Cave. Cave"
La donna: "Nick chi?"
Il manager: "Nick Cave"
La donna: "Nick Cave? E chi è Nick Cave?"


Il manager: "Beh, forse è il più grande cantautore di oggi. È adorato da milioni di fan, gli italiani lo amano"
La donna: "Chi sei? Cosa vuoi?"
Il manager: "Uhm, un piano gratis"

E la donna ha messo giù il telefono.

Un paio di giorni dopo Cave, parlando con il manager, gli ha chiesto aggiornamenti sul pianoforte. "Beh, sembra che abbiano una politica piuttosto rigida nel dare 200mila euro di pianoforte a persone di cui non hanno mai sentito parlare", la risposta. Dunque, un nuovo tentativo, anche questo non andato a buon fine. "Eppure aspetto il giorno in cui un gigantesco furgone per traslochi si fermerà fuori casa mia e il mio manager aprirà lo sportello indossando una maglietta con un pianoforte e un grande sorriso sul volto urlando "Fazioli!".

AGGIORNAMENTO DI MARTEDI' 28 LUGLIO - leggi qui.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.