Madonna: 'Multata per un milione di dollari in Russia per aver sostenuto la causa LGBTQ+'

'...e non ho mai pagato', chiarisce l'ex material girl
Madonna: 'Multata per un milione di dollari in Russia per aver sostenuto la causa LGBTQ+'

Con un post pubblicato sul proprio canale Twitter ufficiale Madonna ha sostenuto di essere stata multata per un milione di dollari dal governo russo per un discorso in supporto alla comunità LGBTQ+ tenuto durante un concerto tenuto a San Pietroburgo nel 2012 nell'ambito del tour in supporto all'album "MDNA".

"Ho fatto questo discorso a un concerto a San Pietroburgo in Russia otto anni fa", ha spiegato la diva pop italoamericana: "Sono stata multata dal governo russo per un milione di dollari per aver supportato la comunità omosessuale. Non ho mai pagato...".

Sull'importo esatto della sanzione effettivamente comminata dalle autorità di Mosca alla cantante ci sono discrepanze: ad accusare Madonna di aver violato le leggi locali in materia di "promozione dell'omosessualità tra i minori" fu l'allora deputato dell'Assemblea legislativa di San Pietroburgo Vitaly Milonov, dal 2016 deputato della Duma, che presentò a carico dell'artista un esposto alle autorità, proponendo - come riferì all'epoca la stampa locale - una sanzione di 5.000 rubli alla star e di 500mila rubli (poco più di 6000 euro) al suo promoter russo. La stampa occidentale, all'epoca, parlò invece di un importo decisamente più alto - circa 17mila dollari - comunque decisamente inferiore a quello citato da Madonna.

"Sono qui per dire che la comunità gay e le persone omosessuali, qui e in tutto il mondo, hanno gli stessi diritti", disse Madonna nel passaggio più importante del discorso incriminato: "Gli stessi diritti di essere trattati con dignità, rispetto, tolleranza, compassione e amore".
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.