"Pleased to meet you": incontri con le star. James Brown

Faccia a faccia con i grandi del pop e del rock: i ricordi di Massimo Cotto
"Pleased to meet you": incontri con le star. James Brown

Quando, nel 1998, la gente mi fermava per chiedermi: “Ma davvero porti James Brown ad Asti?”, rispondevo puntua-le: “Sempre che non lo arrestino prima”. Vita oltre i limiti della follia, quella di James, che ha dormito più notti in carcere che a casa sua. Leggendaria la fuga attraverso Georgia e North Carolina, nel 1988, inseguito da dieci macchine della polizia e fermato solo da ventitré colpi di pistola che hanno forato le gomme del suo pick-up. Sei anni da scontare al South Carolina’s State Park Correctional Centre, poi ridotti a due per buona condotta e per aver trasformato il coro della cappella del carcere in una poderosa formazione gospel.
Prima di Asti, avevo già incassato almeno due delusioni: al Sistina di Roma nel 1988 e a Montecarlo nel 1992. Concerti fiacchi, davanti a una platea semivuota. Ad Asti andrà molto meglio come affluenza, ma niente di immortale come qualità. Lo rivedrò per l’ultima volta nel 1999, a Milano. Vestito da James Brown in acido – completo color ciliegia, stivaletti di serpente a punta, pantaloni con la zip abbassata e probabile aggiunta di cotone negli slip, medaglione stile Tor Vergata, orologio al polso grande come quelli da muro – gigione come ai tempi d’oro, tra improbabili ricostruzioni autobiografiche (“appena nato, ho smesso di respirare e ho ripreso due ore dopo, per questo sono diverso dagli altri”), smargiassate assortite (“Wojtyla è un mio grande amico”), divertenti concessioni all’autoironia (“un tempo chiedevo che gli organizzatori mi procurassero due ragazze sotto i ventuno anni e una parrucchiera, oggi mi accontento della parrucchiera”) e punzecchiature (“l’altra sera mi sono esibito a Nizza, in Francia. Tra il pubblico ho riconosciuto Mick Jagger e l’ho invitato sul palco, ma lui ha rifiutato. Lo capisco: è troppo piccolo di statura al mio confronto”).

Gli chiedo come abbia fatto a tornare in forma così velocemente. “Vita morigerata, niente alcol, cibo sano e molto sesso.” La sera, dopo l’ennesimo concertino pacchiano e tirato via di chi sa di aver fatto la storia e di poter vivere di rendita, mi fa entrare in camerino. Dentro c’è una ragazza dai capelli rossi, avvenente e appariscente. James Brown mi dà la scaletta del concerto che gli avevo chiesto e poi si toglie la camicia. Sotto ha una pancera che comprime. Quando se la toglie, emerge una pancia da balenottero. Altro che vita morigerata, niente alcol e cibo sano. Era solo una pancera. Piccoli trucchi da star. Come la parrucca di Tina Turner.

(Leggi le puntate precedenti: Nick Cave, Shakira, Rita Marley, Fabrizio De André, Vinicio Capossela, Robert Plant, Nico, Pupo)

Il testo qui sopra è tratto, per gentile concessione dell'editore e dell'autore, da "Pleased to meet you - Spigolature pop", il libro di Massimo Cotto pubblicato da VoloLibero, che presenta "duecento artisti ritratti con un flash, con uno scatto rubato".

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/JM-3yFh_TATWlPoOOB19KdA-uRY=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/pleased-to-meet-you.jpg

 

Dall'archivio di Rockol - James Brown, musica e parole come dinamite
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.