Rock & Roll Hall of Fame, la serata di gala 2020 cancellata per Coronavirus

Salta la festa - che sarà rimpiazzata da uno speciale televisivo - che avrebbe avuto per protagonisti Depeche Mode, Nine Inch Nails e altri
Rock & Roll Hall of Fame, la serata di gala 2020 cancellata per Coronavirus

I set speciali che avrebbero visto la band di Dave Gahan (nella foto) e Martin Gore e quella capitanata da Trent Reznor protagoniste sul palco dell'istituzione musicale di Cleveland non avranno luogo: a causa del protrarsi dell'emergenza sanitaria da Covid-19 negli Stati Uniti la Rock & Roll Hall of Fame ha deciso di cancellare la cerimonia di premiazione riservata agli iscritti del 2020. La serata di gala, originariamente prevista per lo scorso 2 maggio poi rinviata - nella speranza di una remissione della pandemia - al prossimo 7 novembre, è stata ora ufficialmente annullata: al suo posto sarà messo in onda uno speciale pre-registrato prodotto dalla HBO, il network chiamato riprendere e trasmettere le cerimonie di inserimento nel pantheon musicale a stelle e strisce.

Oltre che a Depeche Mode e Nine Inch Nails, a essersi guadagnati nel corso dell'ultima consultazione una voce nella prestigiosa (e contestata) Hall of Fame erano stati - i primi tre tutti, ovviamente, postumi - Whitney Houston, Notorious B.I.G., T. Rex e Doobie Brothers. Ai veterani dell'industria musicale a stelle e strisce Jon Landau e Irving Azoff sarebbe stato assegnato il premio speciale intitolato a Ahmet Ertegun, il leggendario cofondatore della Atlantic Records.

"Per proteggere la salute e la sicurezza dei nostri artisti, delle loro famiglie, degli staff e dei nostri dipendenti, abbiamo deciso di non poter riprogrammare l'evento", ha fatto sapere in una nota John Sykes, presidente della fondazione collegata alla Rock & Roll Hall of Fame: "Insieme alla HBO e al produttore esecutivo Joel Gallen vogliamo creare un eccitante programma televisivo per omaggiare i premiati del 2020, raccontando le loro storie e il loro incredibile contributo alla storia della musica e l'impatto avuto sulle generazioni successive di musicisti".
 

Dall'archivio di Rockol - I Depeche Mode e lo “Spirit” di David Bowie
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.