System of a Down, John Dolmayan contro il movimento Black Lives Matter: è polemica

Il batterista continua a segnalarsi per posizioni controcorrente: 'Negli USA non esiste razzismo diffuso'
System of a Down, John Dolmayan contro il movimento Black Lives Matter: è polemica

Sui propri canali social personali il batterista dei System of a Down John Dolmayan continua a segnalarsi per prese di posizione decisamente controcorrente: il motore ritmico della band di Serj Tankian nelle ultime ore è tornato a fare discutere fan e opinione pubblica per un post nel quale sostiene che il movimento Black Lives Matter sia solo uno "strumento di propaganda" che non ha mai avuto legittimità e che negli Stati Uniti non esista una forma sistemica di razzismo. Partendo da un fatto di cronaca - la morte di una bambina di otto anni di Atlanta nel corso di disordini che hanno portato alla distruzione di un fast food nella città della Georgia - Dolmayan ha spiegato:

"Il presunto movimento Black Lives Matter non ha mai avuto legittimità, e - secondo me - è sempre stato uno strumento di raccolta fondi e consenso del Partito Democratico. Insieme all'estrema sinistra [i democratici] si sono dimostrati nemici del popolo degli Stati Uniti e hanno adottato l'illegalità incoraggiata dai media sensazionalisti e dalle folli élite hollywoodiane che li assecondano in ogni occasione. Saranno consegnati alla giustizia, ma quando? Quanti altri innocenti dovranno morire prima che questa follia finisca?".

A un follower che gli consigliava più cautela nel minimizzare il razzismo diffuso presente negli USA Dolmayan ha risposto: "Non esiste razzismo sistemico negli Stati Uniti: fammene anche un solo esempio".

Non è la prima volta che il batterista si esprime in termini molto critici nei confronti dei movimenti per i diritti civili e degli oppositori del presidente in carica degli Stati Uniti Donald Trump: dopo aver definito l'ex tycoon prestato alla politica "il miglior amico delle minoranze", l'artista ha definito "la cosa più stupida" la proposta di togliere i finanziamenti alla polizia attaccando l'opinione pubblica liberale, definita "codarda".
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.