L'assolo di chitarra preferito di sempre da Eric Clapton

Era il 1969 e 'Slowhand' ascoltò "Hey Jude". Sì, la canzone dei Beatles, ma non erano i Beatles ad interpretarla. E fu colpo di fulmine.

L'assolo di chitarra preferito di sempre da Eric Clapton

Se esiste al mondo un chitarrista che si è conquistato il rispetto e il riconoscimento di tutti i colleghi questi è Eric Clapton. Ma c'è un assolo – non suo – che occupa uno spazio speciale nel suo cuore. L'assolo in questione è da ascriversi alla sfortunata sei corde di Duane Allman per la cover di Wilson Pickett del classico dei Beatles "Hey Jude".

L'ora 75enne musicista inglese racconta: "Ricordo di aver sentito "Hey Jude" di Wilson Pickett e di aver chiamato Ahmet Ertegun o Tom Dowd e di aver detto, 'Chi è quel chitarrista?'”. Gli venne risposto che il chitarrista di cui chiedeva referenze era un session man di 22 anni chiamato 'Skydog'. Aggiunge ancora Slowhand, "L'ho archiviato. Fino ad oggi, non ho mai sentito una chitarra rock migliore suonare su un disco R&B. È il migliore."

Caricamento video in corso Link

Come spesso accade, la collaborazione tra Pickett e Allman ebbe luogo per volere del caso. Nel novembre 1968, Wilson Pickett, che era già una stella, si era presentato ai Fame Studios di Rick Hall a Muscle Shoals, in Alabama, con l'idea di registrare del materiale, ma senza avere una idea esatta sul cosa. Anche Allman era in città perché avrebbe voluto lavorare per Hall, ma gli era stato detto da questi che aveva già troppi chitarristi, quindi, il non ancora chitarrista della Allman Brothers Band, chiese se poteva semplicemente restare lì in giro e aiutare in caso di bisogno.

Fu proprio Duane Allman a suggerire a Wilson Pickett di registrare, con il suo aiuto, una versione di "Hey Jude", la canzone che i Beatles avevano pubblicato da poco. All'inizio la proposta non venne presa sul serio da Hall e neppure da Pickett, ma poi, fortunatamente, i due cambiarono idea. Nel libro di Randy Poe, 'Skydog: The Duane Allman Story', Hall ricorda cosa accadde:

"Pickett entrò in studio e io dissi, 'Non abbiamo niente'. Non avevamo una canzone. Duane era lì e gli venne un'idea. A quel punto si ruppe il ghiaccio e diventò il mio ragazzo. Quindi Duane disse, 'Perché non facciamo “Hey Jude"?' Io dissi, 'Questa è la cosa più assurda che io abbia mai sentito. È una follia. Fare una cover dei Beatles? È pazzesco!' E Pickett disse, 'No, non la faremo.' Io dissi, 'Il loro singolo sarà la numero uno. Voglio dire, questo è il gruppo più grande del mondo!'". E Duane disse, 'Questo è esattamente il motivo per cui dovremmo farla, perché sarà il numero uno e loro sono così grandi. Il fatto che faremo la canzone con un artista nero attirerà molta attenzione, sarà un successo in automatico.' Quella cosa per me aveva tutto il senso del mondo. Così ho detto, 'Bene. Facciamola.'"

“Hey Jude” venne pubblicata come singolo dai Beatles negli Stati Uniti il 26 agosto 1968. Nonostante avesse una durata di oltre sette minuti, rimase nelle classifiche di vendita statunitense per ben 19 settimane. La cover di “Hey Jude” di Wilson Pickett venne inclusa nel suo nono album intitolato proprio “Hey Jude” pubblicato nel febbraio 1969.

Caricamento video in corso Link
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
26 mag
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.