Chris Frantz e la reunion dei Talking Heads: "Sarebbe bello". Ma David Byrne...

In una intervista il batterista della band statunitense rivela tutto del suo rapporto con David Byrne.
Chris Frantz e la reunion dei Talking Heads: "Sarebbe bello". Ma David Byrne...

Una delle reunion che manderebbe i seguaci della chiesa del rock in brodo di giuggiole, se mai si dovesse concretizzare, sarebbe quella dei Talking Heads. A parlare di questa eventualità, il batterista della band statunitense Chris Frantz.

La formazione guidata da David Byrne si è sciolta nel 1991 e da allora ha suonato insieme solo una volta, per la loro introduzione nella Rock & Roll Hall Of Fame nel 2002.

Parlando con il magazine statunitense Rolling Stone del suo nuovo film biografico 'Remain in Love', Frantz ha rivelato di non vedere di persona David Byrne da ben 17 anni e di non essere neppure stato invitato lo scorso anno a Broadway ad assistere allo spettacolo teatrale di Byrne, 'Utopia'.

Queste le parole che ha speso per circostanziare la sua attuale relazione con David Byrne:

“Di tanto in tanto comunichiamo via e-mail. L'ultima volta che l'ho visto è stato all'inoteca (un ristorante newyorkese) nel Lower East Side nel 2003. È trascorso molto tempo".

Su di una possibile quanto improbabile reunion dei Talking Heads ammette che a lui non dispiacerebbe per nulla:

"Sarebbe bello se potesse accadere perché, a differenza di molti dei nostri contemporanei, siamo ancora tutti vivi. L'ultima volta che ho parlato con David di reunion. Prima ha detto, 'Fammici pensare e ti ricontatto'. Mi sono detto, 'Bene'. Era un venerdì sera. Il lunedì ho ricevuto un'email che diceva: 'Te l'ho già detto e lo ripeto per l'ultima volta. Non mi riunirò mai con i Talking Heads. Per favore, non tirarla più fuori'. Era il 2003. Ricordo che nevicava, quindi era inverno."

Proseguendo sull'argomento Frantz ha rivelato che qualche anno fa venne fatta alla band una proposta per ricongiungersi:

"Ci hanno offerto enormi quantità di denaro per fare degli spettacoli. Non solo concerti, ma anche il DVD e il disco dal vivo. Era un vero tesoro. Chiunque sano di cervello avrebbe probabilmente detto di sì."

Riguardo la scelta di David Byrne di suonare una serie di canzoni dei Talking Heads nei suoi tour da solista, Frantz ha detto:

"Sì. Lui dice sempre, 'Non voglio guardarmi indietro' quando gli chiedono della reunion dei Talking Heads. 'Per me sarebbe un passo indietro'. Bene. OK. (Ride)".

L'ultima smentita in ordine di tempo da parte di David Byrne risale al dicembre dello scorso anno. L'anno prossimo saranno trenta anni che la band di “Burning Down the House” si è sciolta. Il loro ultimo album, “Naked”, l'ottavo della loro discografia, venne pubblicato nel marzo 1988.

Caricamento video in corso Link
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.