UK, dal governo sovvenzioni ai locali di musica dal vivo

Nel programma da un miliardo e mezzo varato dal governo Johnson aiuti economici anche per le venue

UK, dal governo sovvenzioni ai locali di musica dal vivo

Il governo britannico presieduto da Boris Johnson ha varato un pacchetto di aiuti destinati al settore della cultura e dell'intrattenimento definito dallo stesso esecutivo inglese "il più grande investimento mai fatto nel comparto culturale nella storia della Gran Bretagna": l'operazione, per la quale Downing Street "muoverà" un totale pari a un miliardo e mezzo di sterline, oltre a realtà come musei, gallerie d'arte e teatri riguarderà anche i locali di musica dal vivo, messi a dura prova dal periodo di lockdown imposto dalle autorità per arginare l'emergenza sanitaria da Covid-19.

Per quanto riguarda il comparto del live, gli aiuti si concretizzeranno essenzialmente in investimenti a fondo perduto da impiegare in lavori infrastrutturali sospesi a causa della pandemia e da fondi extra per le amministrazioni decentrate, che vedranno 97 milioni stanziati per la Scozia, 59 per il Galles e 33 per l'Irlanda del Nord.

"Dal teatro e dai musical fino alle mostre nelle nostre gallerie di livello mondiale, passando per i concerti ospitati dai club underground, l'industria culturale del Regno Unito è il cuore pulsante di questo paese", ha spiegato Johnson: "Questo denaro contribuirà a salvaguardare questo settore per le generazioni future, permettendo alle realtà di tutto il Regno Unito di rimanere a galla e supportare il proprio personale finché le attività saranno costrette allo stop".

Grande soddisfazione è stata espressa dagli esponenti del settore: "Siamo lieti che il governo abbia riconosciuto l'importanza speciale delle arti e della creatività, compresa la musica, per la nostra vita nazionale", ha spiegato Geoff Taylor, ad di BPI, la principale associazione di categoria dei discografici d'oltremanica, "Accogliamo con grande favore la menzione specifica ai nostri amati locali di musica dal vivo. L'industria del live e la comunità di artisti che la sostiene hanno sentito la forza devastante della situazione di emergenza causata dal Covid-19. Se il Regno Unito vuole conservare la sua eccezionale scena musicale nazionale e continuare a produrre artisti di livello mondiale, queste sovvenzioni dovranno essere erogate con urgenza ai destinatari. Non vediamo l'ora di discutere ulteriormente su come verranno assegnati i fondi".

Dall'archivio di Rockol - Dieci oggetti feticcio del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.