Linkin Park, il video di ‘In The End’ supera il miliardo di visualizzazioni

La clip si aggiunge a quelle che accompagnano, ad esempio, “Bohemian Rhapsody”, “Smells Like Teen Spirit” e “November Rain”.

Linkin Park, il video di ‘In The End’ supera il miliardo di visualizzazioni

Ha infranto il muro del miliardo di visualizzazioni il video ufficiale di “In The End” dei Linkin Park. La clip, diretta da Joe Hahn e Nathan "Karma" Cox, accompagna il secondo singolo estratto dal debutto discografico della band del compianto Chester Bennington, “Hybrid Theory” (2000): la canzone è stata inclusa nel disco anche se Bennington inizialmente non voleva che ne facesse parte. Non è la prima volta che un video del gruppo nu metal supera il miliardo di visualizzazioni: “In The End” è la seconda canzone ad aggiudicarsi tali numeri dopo che già il videoclip di “Numb” nel 2018 aveva oltrepassato il miliardo.

Secondo le statistiche riferite da Setlist.fm il brano è il più suonato dal vivo dai Linkin Park, che hanno proposto al pubblico “In The End” per 747 volte nel corso della loro carriera. Subito dopo viene “One Step Closer”. Tra gli altri classici del rock e dei suoi dintorni che sono entrati nella cerchia dei video da un miliardo e oltre di visualizzazioni ci sono anche, ad esempio, “Bohemian Rhapsody” dei Queen, “Smells Like Teen Spirit” dei Nirvana e “November Rain” dei Guns N’ Roses.

Difficile che non abbiate mai visto il video di “In The End”, ma se così fosse lo trovate qui:

Caricamento video in corso Link

Il mese scorso la prima band di Chester Bennington, i Grey Daze, hanno pubblicato l’album “Amends”, disco alla realizzazione del quale hanno partecipato anche i chitarristi dei Korn Head e Munky. La voce di Bennington è presente in tutte le tracce dell’album.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.