Tom Morello: esce "Stand Up", canzone contro la discriminazione razziale

Al brano hanno collaborato il frontman degli Imagine Dragons Dan Reynolds, Bloody Beetroots e Shea Diamond. Il ricavato andrà in beneficenza.
Tom Morello: esce "Stand Up", canzone contro la discriminazione razziale

Tom Morello ha chiamato a raccolta il frontman degli Imagine Dragons Dan Reynolds, il produttore Bloody Beetroots e la artista e attivista Shea Diamond per un progetto che si è concretizzato nel singolo “Stand Up”, una riflessione sulla differenza tra le persone unite contro il razzismo in questo momento.

Il brano - pubblicato da KIDinaKORNER/Interscope Records è stato coscritto da Morello, Reynolds, Diamond, The Bloody Beetroots, Justin Tranter e Eren Cannata. Tutti e quattro gli artisti coinvolti doneranno il ricavato del brano alle seguenti associazioni: NAACPKnow Your Rights CampSouthern Poverty Law Center, e Marsha P. Johnson Institute, di cui Morello ha detto “Stanno facendo un grande lavoro per combattere il razzismo, l’ingiustizia e la brutalità della polizia”. KIDinaKORNER/Interscope donerà inoltre una cifra pari a quello che gli artisti guadagneranno dagli stream del brano per un periodo di 3 anni.

Caricamento video in corso Link

Parlando di come è nata la canzone Tom Morello ha dichiarato: “Sono cresciuto nella minuscola città bianca e conservatrice di Libertyville, nell'Illinois. Quando ero un bambino, qualcuno appese un cappio nel garage della mia famiglia, ci furono occasionali telefonate con la parola N, etc etc. Il 6 giugno di quest'anno, in questa città c'è stato un raduno di Black Lives Matter che ha coinvolto quasi 1.000 persone. Sembra che i tempi stiano cambiando. Quella notte ho avuto una ispirazione, ho contattato Dan degli Imagine Dragons. Io e The Bloody Beetroots avevamo una traccia e nel giro di 24 ore Dan ci ha rispedito una parte vocale completa. Abbiamo messo in pista Shea Diamond, una donna transgender nera con una lunga storia di attivismo, e la coalizione era fatta."

Queste, invece, le parole di Dan Reynolds: “Quando Tom mi ha contattato per lavorare insieme a Shea Diamond e The Bloody Beetroots su questa canzone, sono immediatamente andato nella mia stanza e ho scritto/cantato il coro e la strofa. Questo paese ha certamente bisogno di essere sistemato e credo che ci vorranno persone di ogni parte e colore per risolvere il problema.”

Bob Rifo aka Bloody Beetroots dal canto suo ha detto: “Ero nel mio terzo mese di quarantena e stavo aspettando l'occasione giusta per riconnettermi al mondo quando Tom mi ha chiamato per lavorare su "Stand Up". È durante i periodi di tumulto e sconvolgimento che noi musicisti abbiamo la responsabilità di accelerare il cambiamento con un messaggio forte e rumoroso per un presente e un futuro migliori. Oggi possiamo cambiare questo pianeta. Questo è il nostro tempo. Questo è il nostro turno.”

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/S3gzOzvlJiRsumzfCx5zTU3ml_Y=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/download.2020-07-02-16-39-55.jpg
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.