Il meglio dei Metallica secondo i fan. E i Darkness trionfano in un altro sondaggio…

La migliore canzone dei Metallica secondo la fanbase della band è stata registrata tra l’ottobre e il dicembre 1985 ai Sweet Silence Studios di Copenhagen.
Il meglio dei Metallica secondo i fan. E i Darkness trionfano in un altro sondaggio…

Sono stati gli stessi Metallica a indire il sondaggio e la domanda, rivolta ai fan dei Four Horsemen, era semplice: qual è la migliore canzone del gruppo capitanato da James Hetfield e Lars Ulrich? La risposta, decretata a un mese dal lancio del sondaggio, è infine arrivata: la fanbase dei colossi dell’heavy metal ha scelto “Master of Puppets” come miglior canzone mai incisa dai Metallica.

Il brano è l’unico singolo – e la title track – del terzo album in studio della band. È stata registrata tra l’ottobre e il dicembre 1985 ai Sweet Silence Studios di Copenhagen ed era il brano preferito del disco del compianto bassista della band Cliff Burton. James Hetfield aveva in passato spiegato che il tema al centro della canzone era la droga. “Ha a che fare in sostanza con la droga. Con come cambiano le cose e invece di essere tu a controllare quello che prendi e fai è la droga che ti controlla”.

Quello dei Metallica non è però l’unico sondaggio relativo al rock duro di questi giorni. Anche i lettori di Classic Rock sono stati chiamati a raccolta per scegliere, in quel caso, la migliore canzone di questo secolo. Ad aggiudicarsi la vittoria sono stati i Darkness con la loro “I Believe In A Thing Called Love” del 2002: il brano ha avuto la meglio su canzoni come, tra le tante, “Rock'n'roll Train” degli AC/DC, “Best Of You” dei Foo Fighters e “Blackbird” degli Alter Bridge.

Il brano è stato registrato da Justin Hawkins e soci nel 2001 e il cantante della band, in difficoltà con le note più alte di “I Believe In A Thing Called Love”, ha provato a cantarla nudo. “All’inizio l’ho fatto come esperimento per vedere se poteva aiutarmi visto che stavo soffrendo con la voce. Poi ho iniziato a farlo perché metteva Ed un po’ a disagio, poi è diventata una tradizione”. La canzone fa parte del debutto discografico del gruppo hard rock britannico, “Permission to Land”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.