Timoria: Carlo Alberto 'Illorca' Pellegrini racconta 'Speedball 2020', 25 anni dopo

Le session per il quinto album della band raccontate dal punto di vista del bassista

Timoria: Carlo Alberto 'Illorca' Pellegrini racconta 'Speedball 2020', 25 anni dopo
Credits: Rockol

In occasione del venticinquesimo anniversario della pubblicazione di "2020 Speedball", il quinto album di inediti in studio dei Timoria uscito nel 1995, Rockol ha contattato tutti gli elementi della band per farsi raccontare le session di lavorazione del disco di "Brain Machine" ed "Europa 3". Ecco la testimonianza di Carlo Alberto Pellegrini, "Illorca":

"Dopo un viaggio negli USA, mio fratello mi portò un po' dischi 'classici' del rap, e così nacque il mio amore per l'hip hop: ad affascinarmi di più era il gangsta rap, quello dei Bloods e dei Crips, della West Coast, di Compton. All'epoca stava iniziando a prendere piede, negli USA, la commistione tra melodia e rap, quindi ho pensato di arricchire il repertorio di influenze del gruppo con il bagaglio che avevo maturato personalmente: la parte rappata su 'Dancing Queen' è nata così".

"Gli anni Novanta sono stati un periodo di evoluzione del rock, e di conseguenza ci siamo evoluti anche noi. Abbiamo limitato al massimo il retaggio anni Settanta per contaminarci, perché - all'epoca - 'contaminazione' era la parola d'ordine".

"Angelo Carrara [produttore esecutivo di '2020 Speedball'] ha avuto un grande importanza, musicalmente: dopotutto era stato il responsabile del lancio di Ligabue. Era una sorta di deus ex machina, ma inconsapevole. Con noi ha fatto una scommessa, vincendola. Era un autentico pozzo di idee, e - altra cosa importante - non aveva paura di metterci la faccia. E aveva un fiuto eccezionale, dal punto di vista musicale, benché non sapesse  assolutamente suonare".

"'2020 Speedball' non è stato una leccata di culo al mainstream. E' un album figlio dei Navigli, dove è stato registrato. All'epoca non era ancora la zona degli aperitivi alla moda per definizione: era un posto a metà tra vecchia Milano e area di spaccio. Noi andavamo al ristorante Mauro il Bolognese, dove la sera si esibivano i cantautori milanesi. Anche quella, per noi, fu un'influenza".

"Quella che come noi ha vissuto da giovane gli anni Novanta? E' stata una generazione senza vento"

Dopo la fine dei Timoria il bassista Carlo Alberto Pellegrini - conosciuto come Illorca - ha fondato insieme al batterista Diego Galeri i Miura, con i quali ha registrato l'album "In testa", nel 2004. Dopo un incidente stradale del quale è rimasto vittima, sempre nel 2004, insieme a Galeri, ha abbandonato l'attività musicale, pur continuando a prendere parte alle attività promozionali inerenti il catalogo della band - nel 2018, insieme a Pedrini e Ghedi, ha tenuto un firmacopie alla libreria Feltrinelli di Brescia per il venticinquennale di "Viaggio senza vento".

Leggi anche:

Timoria, 25 anni di '2020 Speedball': parla Diego Galeri
Timoria, 25 anni di '2020 Speedball': parla Enrico Ghedi
Timoria, 25 anni di '2020 Speedball': parla Omar Pedrini
Timoria, 25 anni di '2020 Speedball': parla Francesco Renga
Timoria, 25 anni di '2020 Speedball': parla Max Lepore

Timoria: "2020 Speedball"; 25 anni dopo. Uno scritto di Federico Scarioni
Timoria: "2020 Speedball"; 25 anni dopo. Il primo articolo sul disco (1995)
Timoria: "2020 Speedball"; 25 anni dopo. La recensione di Marco Di Milia
Timoria: ascolta tutte le canzoni di '2020 Speedball'

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.