Chitarre più costose di sempre: Kurt Cobain 'batte' David Gilmour

L'acustica usata dal leader dei Nirvana per l''MTV unplugged in New York' ha battuto, come quotazione, la leggendaria Black Strat del chitarrista dei Pink Floyd

Chitarre più costose di sempre: Kurt Cobain 'batte' David Gilmour

Ieri, sabato 20 giugno 2020, la storia della chitarra è stata stravolta dalla vendita della Martin D-18E usata da Kurt Cobain per registrare l'"MTV Unplugged in New York", concerto che i Nirvana tennero nel 1993 negli studi del popolare network musicale nella Grande Mela e che sarebbe tristemente diventato, l'anno successivo, il primo album postumo della band che portò il grunge in vetta alle classifiche di tutto il mondo.

I 6 milioni e 10mila dollari sborsati dal fondatore della RØDE Peter Freedman per aggiudicarsi il modello di chitarra acustica che segnò il canto del cigno della fulminante carriera della formazione di "Nevermind" non tengono solo conto dell'illustre proprietario che la consegnò alla leggenda, ma anche delle specifiche dell'esemplare, che rappresenta uno degli strumenti più particolari messi in commercio dalla manifattura fondata nella prima metà dell'Ottocento dal liutaio tedesco Christian Friedrich Martin e attiva ancora oggi in Pennsylvania, essendo stato prodotto per un solo anno - il 1959, appunto - con uno dei primi sistemi di amplificazione elettrica mai elaborati per sei corde acustiche.

Caricamento video in corso Link

In ogni caso, la cifra per la quale è stata battuta la Martin D-18E  appartenuta a Kurt Cobain rappresenta, a oggi, l'importo più alto mai speso per l'acquisto di una chitarra: il record precedente, curiosamente, era stato stabilito esattamente un anno fa con la vendita - sempre all'asta - della leggendaria Black Strat appartenuta al chitarrista dei Pink Floyd David Gilmour: lo strumento - utilizzato durante il tour in supporto a "On an Island" del 2006 e nel corso di quello associato a "Rattle That Lock" del 2015, senza dimenticare le session di registrazione di "The Endless River", il canto del cigno della formazione di "If" - di fatto, ormai ridotta ai soli Gilmour e Mason - datato 2014, oltre che in occasione dell'ultima epifania dei Pink Floyd in quella che viene considerata la formazione "classica", ovvero la leggendaria reunion del 2005 al Live 8 - passò di mano per la cifra di 3 milioni e 975mila dollari il 20 giugno del 2019, come articolo di punta di un'asta benefica organizzata da Christie's su mandato dello stesso artista.

Caricamento video in corso Link

"Quando ho sentito che questa chitarra iconica era stata messa all'asta ho subito capito che era un'opportunità irripetibile per metterla al sicuro e usarla come un veicolo per mettere dare risalto alle lotte che gli operatori dello spettacolo e dell'arte stanno affrontando e hanno sempre affrontato", ha spiegato Freedman, che esporrà il cimelio in tutto il mondo per supportare le maestranze del settore colpite dalla crisi generata dall'emergenza sanitaria: "L'industria dell'arte globale è stata sconvolta dall'impatto del Covid-19, con musicisti e artisti tra le categorie più colpite. Gli ultimi mesi sono stati il colpo di grazia agli addetti di un settore per il quale ci sono pochi aiuti nei momenti di necessità. Mentre molte industrie stanno gradualmente tornando alla normalità, ci vorrà molto tempo prima che questo settore possa tornare alla normalità. Il prezzo pagato per questa emergenza è e continuerà a essere enorme, e per trovare una soluzione serve qualcosa di più di belle parole. Serve azione, e io sono un uomo d'azione".

La chitarra acustica utilizzata da Kurt Cobain per l'unplugged registrato per MTV è ora una delle poche chitarre al mondo valutate il cui valore sia stimabile in milioni di dollari, insieme - oltre che alla Black Strat di Gilmour - a una Washburn appartenuta a Bob Marley (valutata un milione e 200mila dollari e oggi custodita dal governo giamaicano come tesoro nazionale), la Fender Stratocaster bianca del '68 con la quale Jimi Hendrix suonò la leggendaria versione dell'inno americano al Festival di Woodstock del 1969 e la Stratocaster autografata da - tra gli altri - Eric Clapton, Keith Richards, Mick Jagger, Ron Wood, Brian May, David Gilmour, Jimmy Page, Jeff Beck, Mark Knopfler, Pete Townshend, Tony Iommi, Angus e Malcolm Young (AC/DC), Sting, Ritchie Blackmore, Bryan Adams, Liam Gallagher e Paul McCartney per la campagna benefica - attivita per raccogliere fondi da destinare alle popolazioni colpite dalla tsunami del 2004: lo strumento fu acquistato all'asta dalla sorella dell'emiro del Quatar Al-Mayassa bint Hamad bin Khalifa Al-Thani per 2 milioni e 800mila dollari.
 

Dall'archivio di Rockol - La pietra angolare del grunge: "Nevermind" dei Nirvana
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.