Keedron Bryan: la storia del 12enne messo sotto contratto da questa major

Il suo video è stato condiviso anche da Barack Obama: ora è l'astro nascente del gospel americano.

A 12 anni ha già firmato un contratto discografico con una multinazionale dell'industria discografica. Merito - oltre che della sua voce - del video pubblicato in rete lo scorso 26 maggio per omaggiare George Floyd, l'afroamericano morto a Minneapolis dopo essere stato arrestato e immobilizzato a terra da un agente bianco per il quale negli scorsi giorni molti attivisti sono scesi per le strade delle principali città degli Stati Uniti, protestando contro il razzismo e chiedendo giustizia per l'uomo.

È la storia di Keedron Bryant, il ragazzino di "I want to live", la canzone - con un testo scritto dalla madre - che ha cantato a cappella, riprendendosi con il cellulare, per ricordare Floyd: la clip, condivisa da personaggi molto popolari - e considerati punti di riferimento per la comunità afroamericana statunitense - come il cestista LeBron James e l'ex presidente Barack Obama, ha ora permesso a Bryant di siglare un contratto con Warner Music, etichetta per la quale incidono - tra gli altri - Dua Lipa, Ed Sheeran, la star latina J Balvin e il rapper Stormzy.

Cresciuto a Orange Park, in Florida, Keedron Bryant in un mese è passato dall'essere un comune ragazzino con la passione per il canto a astro nascente del gospel. Dopo aver firmato il contratto con la casa discografica, Bryant è andato in studio a registrare una nuova versione della sua canzone (il video su Instagram conta oltre 3 milioni di visualizzazioni), prodotta da Dem Jointz. Non uno sconosciuto, ma un musicista già al fianco di star del calibro di Rihanna, Christina Aguilera, Janet Jackson, Eminem e Dr. Dre. L'etichetta ha fatto sapere che i proventi della canzone saranno donati alla National Association for the Advancement of Coloured People, tra le principali associazioni per i diritti civili negli Stati Uniti.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.