L'irresistibile playback dei Nirvana (con imitazione di Morrissey) a Top of the Pops. Video

Nel '91 Kurt Cobain e soci portarono 'Smells Like Teen Spirit' alla più importante trasmissione televisiva inglese. A modo loro

L'irresistibile playback dei Nirvana (con imitazione di Morrissey) a Top of the Pops. Video

Chi si ricorda il maldestro tentativo di importazione in Italia attuato negli anni Duemila non si faccia trarre in inganno: Top of the Pops, dalla prima metà della anni Sessanta fino a una quindicina d'anni fa, è stato il fiore all'occhiello musicale della BBC. Tanto per dare un'idea, nel solo 1964 - anno di apertura del programma - per registrare il proprio passaggio al programma dagli studi del servizio pubblico britannico passarono Beatles, Rolling Stones, Beach Boys, Kinks, Roy Orbison, Louis Armstrong, Chuck Berry e altri, tra i quali la nostra (e allora giovanissima) Gigliola Cinquetti, la cui "Non ho l'età" - che appunto nel '64 aveva trionfato sia a Sanremo che all'Eurovision Song Contest - era diventata una hit internazionale.

L'unico requisito per conquistare un passaggio a Top of the Pops era il successo, non il genere musicale: l'importante era rispettare le regole imposte dai produttori. Negli anni Sessanta la britannica Musicians' Union riuscì la BBC a vietare il playback puro, concedendo alle band e agli artisti la possibilità di registrare una performance ad hoc da utilizzare per la registrazione. Negli anni Settanta e Ottanta venne concessa la possibilità di suonare dal vivo - tra gli altri, la sfruttarono New Order e David Bowie, ma nel 1991 la direzione del programma tornò a intervenire sulle modalità di registrazione, imponendo il "live on tracks", ovvero l'esecuzione dal vivo della performance vocale.

Nel 1991 la band più popolare sulla piazza erano i Nirvana, il cui album "Nevermind" aveva fatto deflagrare a livello internazionale il fenomeno grunge. A Kurt Cobain e soci, naturalmente, fu fatto pervenire l'invito alla trasmissione per promuovere il singolo di punta del loro secondo album, l'ormai leggendaria "Smells Like Teen Spirits", ma alle condizioni dei produttori, cioè che Cobain cantasse dal vivo su una base registrata. I Nirvana obbedirono, ovviamente a modo loro:

Caricamento video in corso Link

Più che Krist Novoselic intento a far svolazzare il suo basso per aria fin dalle prime battute, o Dave Grohl, tanto impegnato a ballare sullo sgabello della batteria da colpire più che altro i piatti ogni tanto, e nemmeno troppo a tempo, a compiere il vero capolaro fu Cobain: praticamente immobile, mimando pennate improbabili e con la mano visibilmente bloccata sulla tastiera della chitarra, il leader del trio di Seattle si lanciò in una performance vocale del brano assolutamente inedita, più bassa di un'ottava rispetto all'originale e con uno stile del tutto avvicinabile - come confessato dallo stesso Cobain dopo l'apparizione - a quello del frontman degli Smiths Morrissey, che a Top of the Pops era passato nell''83 (con il suo gruppo) e nell''88 (come solista). E come se non bastasse, per la felicità dei censori del network, cambiando il primo verso della canzone da "load up on guns, bring your friends" a "load up on drugs, kill your friends".

Dall'archivio di Rockol - La pietra angolare del grunge: "Nevermind" dei Nirvana
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.