Adriano Celentano, la storia di “Mondo in mi7”

Quest’estate vi raccontiamo le storie di 45 canzoni italiane che, pubblicate a 45 giri, hanno avuto successo fra gli anni Cinquanta e il Duemila.
Adriano Celentano, la storia di “Mondo in mi7”

“Mondo in mi7”: 1966, L.Beretta - M.Del Prete - Mogol - A.Celentano - M.Detto, Ed. Clan/Curci

"Io dovevo fare proprio il musicista, a me mi hanno rovinato. Ero proprio un cantautore vero, anzi impegnato. Andai al clan di Celentano che avevo 14 o 15 anni. Ma lui non lo vidi, perché andai di sabato e domenica, che era chiuso. E non avevo i soldi per tornare. Sono stato per due giorni con la chitarra sotto al clan di Celentano. Sapevo 'Mondo in mi settima' a memoria, che lui l'altra sera l'ha fatta in televisione e s'è dimenticato le parole; ho controllato, le ha sbagliate proprio! Ha sbagliato due volte. Ho controllato, era il mio cavallo di battaglia. Si è dimenticato 'si divorano i romanzi come i dizionari'".

(Roberto Benigni)

Nel 1966 il mondo della musica attraversa un cambiamento rapidissimo. In sintonia con le inquietudini giovanili e i segnali di mutamento sociale e culturale, Beatles e Rolling Stones si sono trasformati da semplici intrattenitori di giovani in punti di riferimento di chi si sente inquieto e insoddisfatto (autentico spartiacque in proposito è "(I can't get no) Satisfaction" dei Rolling Stones). Grande influenza ha poi l'opera di Bob Dylan, che esprime il suo punto di vista sul mondo accompagnandosi con una semplice chitarra.

In tale frangente Celentano, che aveva abbracciato entusiasta l'ondata rock'n'roll, si chiama fuori con decisione da quella beat e dai primi atteggiamenti contestatari (cosa che peraltro lo accomuna al suo idolo Elvis Presley). Ma capisce che anche per i cantanti è arrivata l'ora di trasmettere un "messaggio". Già da qualche anno lo scatenato rocker, diventato nel 1965 marito e papà, scrive brani a sfondo religioso ('Pregherò', 'Chi era lui' e 'Bambini miei', ispirati da Padre Ugolino Vagonuzzi). Nel 1966 tuttavia comincia apertamente a pontificare sulla società che lo circonda. E dopo aver portato l'ecologia a Sanremo col 'Ragazzo della via Gluck', aggiunge al suo team di autori Mogol (già traduttore di Dylan) ed elabora uno dei suoi più compiuti manifesti musical-ideologici. In 'Mondo in mi 7' appare per la prima volta l'aperta indignazione nei confronti del degrado morale dell'umanità, riscontrato nella corsa agli armamenti, la fame nel mondo a fronte del progresso che ci porta sulla luna, ipocrisia, delinquenza comune ma anche 'corruzione nello sport' e (tema inaudito all'epoca), 'un problema del sesso'. Il tutto, condito con accenni autoreferenziali esagerati - vedi la frase "Ico, perché piangi?", riferita al chitarrista Ico Cerutti, o la strofa "I giornali qualche volta esagerano sempre un po': guardate quello che scrivono su di me". A tale mondo che non funziona, Celentano contrappone il proprio mondo, specificando la missione del suo Clan: "E se noi tutti insieme in un clan ci uniremo, cambierà questo mondo".

Alla complessità del testo corrisponde una incredibile complessità musicale. In sei minuti e sette secondi, il doppio di una canzone normale, si fondono, ambiziosamente, il recitato dei "talkin' blues" rilanciati da Dylan (con tanto di risata a metà). La ritmica probabilmente prende a prestito qualcosa da 'These boots are made for walking', successo stagionale di Nancy Sinatra. La melodia, sostanzialmente non esiste: le rime sono pochissime, e l'intero brano si basa su un unico accordo - quello citato nel titolo, un accordo tecnicamente considerato "di sospensione", che enfatizza la sensazione di ansia e precarietà della vita moderna. Dario Salvatori, nel 'Dizionario della Canzone italiana', accenna a una registrazione del pezzo "lunga e faticosa, quasi un record per un singolo dell'epoca, dovuta alla scelta di un solo accordo come guida: cosa che costringeva il direttore di sala Berlinghini a una meticolosa ricerca del sound e ad estrose tecniche volute espressamente da Celentano". Si noti che l'espediente di basare una canzone su una sola nota ritornerà altre volte - ad esempio in 'Tre passi avanti' e 'Prisencolinensinainciusol'.

Ancora prima di arrivare nei negozi, il disco è circondato da una notevole attesa, grazie al clamoroso successo del 'Ragazzo della via Gluck'. Fa registrare un numero di prenotazioni elevatissimo, ma probabilmente si rivela ostico al grande pubblico (del resto, è tutto fuorché canticchiabile). Sicché, manca il n.1 in hit-parade per un soffio e trova difficoltà promozionali: la Rai ostacola la terza edizione dello show "Adriano Clan", che verrà rimandata e poi definitivamente cancellata, e persino la partecipazione di Celentano alla prima puntata del quiz di Mike Bongiorno "Giochi in famiglia" viene bloccata. Motivazione ufficiale: il contenuto troppo polemico del brano 'Mondo in mi 7'. Ma è inutile dire che negli anni successivi tale parziale insuccesso non ha indotto Celentano a rinunciare ai sermoni cantati…

Caricamento video in corso Link

Domani racconteremo la storia di “Nessuno mi può giudicare” di Caterina Caselli.

Abbiamo pubblicato in precedenza:

Umberto Tozzi, la storia di “Gli altri siamo noi”

Raf, la storia di “Cosa resterà degli anni Ottanta”

Loredana Berté, la storia di “Non sono una signora”

Loretta Goggi, la storia di “Maledetta primavera”

Umberto Tozzi e Raf, la storia di “Gente di mare”

Dario Baldan Bembo, la storia di “Amico è”

Gianna Nannini e Edoardo Bennato, la storia di “Un'estate italiana”

Giuni Russo, la storia di “Un'estate al mare”

Enrico Ruggeri, la storia di “Il portiere di notte”

Morandi-Ruggeri-Tozzi, la storia di “Si può dare di più”

Sergio Caputo, la storia di “Un sabato italiano”

Fiorella Mannoia, la storia di “Caffè nero bollente”

Pooh, la storia di “Pensiero”

Heather Parisi, la storia di “Disco bambina”

Orietta Berti, la storia di “Fin che la barca va”

Adriano Celentano, la storia di “Soli”

Loredana Berté, la storia di “Sei bellissima”

Adriano Celentano, la storia di “Svalutation”

Adriano Celentano, la storia di “Prisencolinensinainciusol”

Umberto Tozzi, la storia di “Ti amo”

Pooh, la storia di “Dammi solo un minuto”

Rosanna Fratello, la storia di “Sono una donna non sono una santa”

Umberto Tozzi, la storia di “Gloria”

Adriano Celentano, la storia di “Chi non lavora non fa l'amore”

Marcella Bella, la storia di “Montagne verdi”

Adriano Celentano, la storia di “Yuppi du”

Cochi e Renato, la storia di “E la vita, e la vita”

Oscar Prudente, la storia di “Stadium”

Il testo qui sopra, scritto da Paolo Madeddu, è tratto, per gentile concessione del Gruppo Sugar, dal sito “Galleria della Canzone”, sul quale potete trovare le storie di più di 200 canzoni italiane di grande successo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.