Enrico Ruggeri, la storia di “Il portiere di notte”

Quest’estate vi raccontiamo le storie di 45 canzoni italiane che, pubblicate a 45 giri, hanno avuto successo fra gli anni Cinquanta e il Duemila.
Enrico Ruggeri, la storia di “Il portiere di notte”

“Il portiere di notte”: 1986 - E.Ruggeri, Ed. SuviniZerboni/Warner C.

Nel 1986 Enrico Ruggeri partecipa al Festival di Sanremo, presentando 'Rien ne va plus'.

"Andare a Sanremo richiedeva un'immediata uscita discografica, ma noi avevamo programmato l'uscita dell'album ad autunno. Così optammo per il mini-LP 'Difesa francese', che avremmo promosso con un tour primaverile subito dopo il Festival, e un altro tour più ampio in inverno per promuovere l'album vero e proprio, ovvero 'Enrico VIII'". Molto probabilmente furono i due tour in un solo anno a ispirare 'Il portiere di notte': "A causa del mio vagabondare per alberghi, ho conosciuto parecchi portieri di notte, anche se per fortuna non di motel di infima categoria o di alberghi a ore... Sono sempre rimasto colpito dal fatto che negli alberghi la stanza rimane sempre quella, mentre cambiano i clienti: come un palcoscenico su cui si avvicendano diversi attori. Il portiere poi mi suggeriva l'idea dell'eterno spettatore: colui che guarda ed è costretto a lavorare, vede le camere come sono 'dopo' e le prepara per chi deve arrivare, organizza gli amori altrui, e ne rimane sempre escluso".

"Enrico VIII fu il mio primo disco d'oro. Gran parte del suo successo si deve a 'Il portiere di notte'", ha confessato il cantautore. "In principio non era un brano cui fossi particolarmente affezionato, ma ha finito poi per rappresentare una vera sorpresa dal vivo. E' uno dei pezzi che amo di più cantare, perché tutto giocato su un'interpretazione che cambia ogni sera, paradossalmente facilitata dall'argomento evidentemente non autobiografico del pezzo".

Due anni dopo, la canzone venne affrontata anche dalla cantante italiana per eccellenza: "Nel 1988 mi trovavo in studio per l'album 'La parola ai testimoni', quando squillò il telefono. Rispose Luigi Schiavone, il mio chitarrista, e si sentì dire: 'Sono Mazzini'. E lui: 'Piacere, io sono Garibaldi'. 'Sono Mina Mazzini', precisa lei. Schiavone si irrigidì e mi passò la cornetta... Mina voleva incidere 'Il portiere di notte', ma chiedeva alcune modifiche, in modo che il testo potesse adattarsi a una donna. Dissi immediatamente di sì, ma poi rimasi sveglio la notte a cercare di far quadrare il cerchio. Far cantare la canzone dalla prostituta amata dal portiere? O cambiare sesso a quest'ultimo? Ma poi di chi si sarebbe innamorato, di un gigolò 'bello e quasi sempre biondo'? Nessuna soluzione mi convinceva. La mattina dopo mi decisi a telefonare a Mina e, umile e impacciato come Fantozzi, le dissi - dandole del lei, nonostante i suoi tentativi di farsi dare del tu - 'Signora, se lei mi fa il grande onore di cantare la mia canzone, vuol dire che la ritiene un classico. E quindi mi piacerebbe che facesse come ha fatto con 'Non è Francesca', per la quale non ha richiesto modifiche in 'Non è Francesco'. Mina rimase colpita dalla mia fermezza: mi chiese un giorno per pensarci, e richiamò il giorno dopo dicendosi d'accordo con me… ".

Caricamento video in corso Link

Domani racconteremo la storia di “Si può dare di più” di Morandi-Ruggeri-Tozzi

Abbiamo pubblicato in precedenza:

Umberto Tozzi, la storia di “Gli altri siamo noi”

Raf, la storia di “Cosa resterà degli anni Ottanta”

Loredana Berté, la storia di “Non sono una signora”

Loretta Goggi, la storia di “Maledetta primavera”

Umberto Tozzi e Raf, la storia di “Gente di mare”

Dario Baldan Bembo, la storia di “Amico è”

Gianna Nannini e Edoardo Bennato, la storia di “Un'estate italiana”

Giuni Russo, la storia di “Un'estate al mare”

Il testo qui sopra, scritto da Paolo Madeddu, è tratto, per gentile concessione del Gruppo Sugar, dal sito “Galleria della Canzone”, sul quale potete trovare le storie di più di 200 canzoni italiane di grande successo.

Dall'archivio di Rockol - racconta "Alma"
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.