Giuni Russo, la storia di “Un’estate al mare”

Quest’estate vi raccontiamo le storie di 45 canzoni italiane che, pubblicate a 45 giri, hanno avuto successo fra gli anni Cinquanta e il Duemila.
Giuni Russo, la storia di “Un’estate al mare”

“Un’estate al mare”: 1982, F.Battiato - G.Pio, Ed.Emi Music Publishing/Sugarmusic

1982: mentre in America Michael Jackson sale sul trono di re del pop con "Thriller", il re del pop italiano è, imprevedibilmente, Franco Battiato.

Il suo album "La voce del padrone" domina le classifiche, non c'è radio che non trasmetta le raffinate "contaminazioni" tra pop e classica del suo arrangiatore Giusto Pio, non c'è spiaggia sulla quale qualcuno non si metta a canticchiare di "Gesuiti euclidei vestiti come dei bonzi per entrare a corte dell'imperatore della dinastia dei Ming".

L'effetto-Battiato si riflette positivamente sulle artiste da lui prodotte: Alice, Milva, e Giuni Russo. Quest'ultima è una cantante palermitana dalle capacità vocali superiori, con studi di musica lirica. Nel suo curriculum, una vittoria a Castrocaro e una partecipazione a Sanremo '68 col nome Giusy Romeo (con la canzone "No, amore", in coppia con Sacha Distel), e un album sperimentale intitolato "Love is a woman" (1976). Per lei Battiato e Pio scrivono un brano che sembra inseguire la voglia di leggerezza già espressa in "Summer on a solitary beach", brano inciso dall'artista siciliano l'anno prima. Nelle strofe, durante la descrizione di strade mercenarie del sesso o copertoni che bruciano, la voce della cantante rimane sui toni bassi - ma nel ritornello, sospinta da una sorta di twist techno-pop, si libera da ogni peso e sulle ali della brezza marina sale alle ottave più alte, fino a raggiungere le altezze (in tutti i sensi) dei gabbiani, il cui garrito viene imitato alla perfezione dalla Russo. Secondo Mario Luzzatto Fegiz, critico del “Corriere della Sera”, la cantante "trovava il giusto equilibrio tra la canzone leggera e un modello interpretativo originale, personalissimo. Scritto da Franco Battiato assieme a Giusto Pio, il motivo dipinge con ironia un quadretto, tipicamente estivo e assolutamente disimpegnato, tra ‘ombrelloni-oni-oni’ e salvagenti: ‘Un'estate al mare/ voglia di remare/fare il bagno al largo...’”.

Il brano entra in classifica il 7 agosto 1982 - e nonostante l'argomento smaccatamente estivo, rimarrà nella top ten sino al 20 novembre. "Quando vedevo la canzone salire in hit parade non credevo ai miei occhi" confessò la cantante in un'intervista. "Non mi aspettavo che riscuotesse un successo così strepitoso. Per fortuna ho un carattere solido, non mi sono fatta inebriare. Ancora oggi la considero una parentesi felice e niente di più. Io avevo voglia, e ho ancora voglia, di proseguire la mia ricerca vocale, di spaziare in musicalità nuove, diverse e così ho fatto. Certo non ho avuto le stesse spinte, la stessa promozione avuta per 'Un'estate al mare'".

In effetti, il clamoroso successo del brano, se da un lato conferisce una grande notorietà alla Russo, dall'altro ne condiziona la carriera. Mantenere l'equilibrio tra ricerca musicale e popolarità non è semplice: la cantante incide un ambizioso album intitolato "Vox" senza includervi il suo brano più famoso - ma cerca di ripeterne il raffinato gioco negli anni successivi con singoli come 'Limonata cha cha' o 'Alghero'. Alla fine, non se la sente più: nel 1988 incide 'A casa di Ida Rubinstein', album impegnativo nel quale esegue arie e romanze di Bellini, Donizetti e Verdi. Si riconcilia con la critica, ma chiude definitivamente la sua fase 'leggera'.

Caricamento video in corso Link

Domani racconteremo la storia di “Il portiere di notte” di Enrico Ruggeri

Abbiamo pubblicato in precedenza:

Umberto Tozzi, la storia di “Gli altri siamo noi”

Raf, la storia di “Cosa resterà degli anni Ottanta”

Loredana Berté, la storia di “Non sono una signora”

Loretta Goggi, la storia di “Maledetta primavera”

Umberto Tozzi e Raf, la storia di “Gente di mare”

Dario Baldan Bembo, la storia di “Amico è”

Gianna Nannini e Edoardo Bennato, la storia di “Un'estate italiana”

Il testo qui sopra, scritto da Paolo Madeddu, è tratto, per gentile concessione del Gruppo Sugar, dal sito “Galleria della Canzone”, sul quale potete trovare le storie di più di 200 canzoni italiane di grande successo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.