Coronavirus, Coachella: il festival non tornerà a ottobre 2020

La pandemia di Covid-19 ha avuto conseguenze pesanti sullo staff del Coachella Valley Music and Arts Festival.

Coronavirus, Coachella: il festival non tornerà a ottobre 2020

Diversamente da quanto annunciato dallo staff del Coachella nei mesi scorsi, la prossima edizione del festival non andrà in scena nell’ottobre 2020: il tradizionale festival musicale del Colorado Desert slitterà direttamente al 2021. “È una decisione straziante ma, tristemente, necessaria”, ha commentato il CEO di AEG (Anschutz Entertainment Group), il brand dietro al colossale evento, Dan Beckerman. Ha dichiarato ancora Beckerman: “Il mondo sta lentamente riaprendo e la nostra industria riaprirà più tardi e più lentamente della maggior parte”.

La pandemia di Covid-19 ha avuto delle conseguenze pesanti sullo staff del Coachella Valley Music and Arts Festival. Scrive infatti l’edizione statunitense di Billboard che AEG ha dovuto mettere in atto, ad esempio, riduzioni salariali fino al 50% per i suoi dipendenti.

L’edizione di quest’anno del festival ospitato dall’Empire Polo Club di Indio avrebbe dovuto andare in scena il secondo e terzo weekend di aprile ed era stato successivamente rimandato ai weekend del 9, 10 e 11 ottobre e del 16, 17, 18 ottobre. I protagonisti del Coachella 2020 avrebbero dovuto essere, tra gli altri, Travis Scott, Frank Ocean, i ritrovati Rage Against the Machine, Thom Yorke dei Radiohead, Lana Del Rey e Fatboy Slim.

Scrive il magazine britannico NME che gli organizzatori stanno valutando se mettere in piedi una versione del festival di dimensioni ridotte rispetto a come i frequentatori della celebre rassegna sono abituati nel 2021 o se rimandare ancora di più l'edizione e tentare di riportare il festival alla sua forma originaria. Ed è sempre il New Musical Express a riferire che le richieste di rimborso sono state presentate per i due quinti dei biglietti acquistati.

È di ieri la notizia che l’altro grande festival americano, che tiene banco a Chicago, il Lollapalooza, salterà l’edizione 2020, o meglio la proporrà in versione streaming: l’evento nato dalla volontà di Perry Farrell era originariamente previsto per i giorni a cavallo tra la fine di luglio e i primi di agosto.

Dall'archivio di Rockol - I dieci migliori album del 1987
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.