Quando Filippo di Edimburgo diede dell'idiota a Elton John

L'episodio risale al tempo in cui il musicista di Pinner era presidente della squadra di calcio del Watford...
Quando Filippo di Edimburgo diede dell'idiota a Elton John

Nella primavera del 1976 Elton John corona uno dei sogni che aveva quando era solo un ragazzino delle case popolari di Pinner: acquistare la squadra di calcio per cui ha sempre fatto il tifo, il Watford. Quello, che sulle prime, potrebbe far pensare che sia il capriccio di una ricca star annoiata, in realtà si rivelò una storia sportiva di successo. Il musicista di Pinner, infatti, prese il team che vivacchiava nella quarta serie inglese e lo portò, nel 1982, in prima serie – la nostra serie A, quella che oggi è la Premier League – e, l'anno successivo, grazie al secondo posto finale in classifica, alla prestigiosa ribalta europea con la partecipazione alla coppa UEFA.

Come detto, Elton John era un tifoso molto appassionato che, a metà anni Settanta, soffriva sinceramente per lo stato di salute della sua squadra del cuore che non aveva mai smesso di seguire. Nel 1974, saputo dei problemi finanziari in cui versava la società, si offrì di fare un concerto per raccogliere fondi. Decise di chiamare a dargli manforte l'amico Rod Stewart (altro grande tifoso di calcio, nello specifico della ben più prestigiosa squadra scozzese dei Celtic di Glasgow). Rod lo prese immediatamente in giro dicendogli:

“E tu cosa cazzo ci capisci di calcio, Sharon*? Se ci capissi qualcosa, non faresti il tifo per loro.”

Elton John nel 1974 divenne vicepresidente del club, ed era molto probabilmente l'unico vicepresidente di una squadra di calcio che partecipava alle riunioni societarie avendo i capelli verdi e arancioni e che calzava stivali con le zeppe. Il musicista, un paio di anni più tardi, diventò presidente poco dopo avere rivelato di essere gay. Un tempismo perfetto, come riporta lo stesso Elton John nella sua autobiografia “Me” (leggi qui la nostra recensione): “Se c'è un consiglio che posso dare a chi vuole fare coming out, è questo: evitate di farlo appena dopo essere stati nominati presidenti di una squadra di calcio inglese, a meno che vogliate passare il sabato pomeriggio ad ascoltare migliaia di tifosi avversari cantare in coro 'Don't sit down when Elton's around, or you'll get a penis up your arse'”. Non per questo il buon Elton se la prendeva, anzi, scrive ancora,

“Loro cantavano, io sorridevo e li salutavo”.

Del calcio nelle serie minori inglesi Elton John apprezzava anche la franchezza, al contrario di quanto accadeva nel mondo della musica che abitualmente frequentava. Scrive nella autobiografia:

“Niente glamour, niente lusso (…) prendevo il treno per Grimsby insieme ai giocatori, guardavo la partita, ascoltavo i tifosi avversari intonare cori sul mio presunto insaziabile desiderio di metterlo nel culo di chiunque avessi a tiro e infine riprendevo il treno con una cassa di pesce che i dirigenti del Grimsby mi avevano regalato al termine della partita”.

Come detto sopra, Elton John aveva molto a cuore le sorti del club e sostenere che ne fosse davvero il suo primo sostenitore non è per niente una frase fatta. La passione per gli Hornets (i calabroni, questo il soprannome della squadra) lo portò a comprare un'automobile e accadde... ma lasciamo che sia lui a raccontarlo:

“Comprai un'Aston Martin, la feci verniciare con i colori del Watford – giallo con una striscia verticale rossa e nera – e cominciai a usarla per seguire la squadra in trasferta; Vettura Presidenziale, la chiamavo. Non mi ero reso conto di quanto attirava l'attenzione finché non mi presentarono il Principe Filippo**. Stavamo chiacchierando garbatamente, quando all'improvviso lui cambiò argomento. 'Lei abita vicino al Castello di Windsor?', mi chiese, 'Ha visto per caso quel maledetto idiota che se ne va in giro con una macchina spaventosa? E' giallo chiaro con una striscia ridicola. Lo conosce?'. 'Sì, Altezza. Sono io'. 'Sul serio?'. Non era particolarmente sorpreso, anzi, sembrava contento di aver trovato l'idiota in questione per potergli elargire i suoi consigli. 'Che diavolo le è venuto in mente? Ridicolo. Fa la figura del cretino. Se ne liberi'".

L'esperienza alla presidenza della squadra ebbe termine nel 1987. Come riporta Elton John:

“Il Watford mi regalava una felicità che coi soldi non avrei mai potuto comprarmi. (…) Vado immensamente fiero dei nostri risultati, ma io devo al Watford ben più di quanto il Watford debba a me. Sono stato presidente del club nel periodo peggiore della mia vita: anni di droga e tristezza, relazioni fallite, pessimi affari, battaglie legali, ansia infinita. Ma il Watford non ha mai smesso di rendermi felice. Quando ero convinto che nessuno mi amasse, avevo l'amore del club e dei tifosi. (…) Se non avessi avuto la mia squadra di calcio, Dio sa cosa ne sarebbe stato di me. Quando dico che il Watford potrebbe avermi salvato la vita, non esagero.”

* Sharon era il nome con il quale Rod Stewart chiamava Elton John, che, a sua volta, lo chiamava Phyllis.

** Filippo di Edimburgo è il marito della Regina Elisabetta II, il prossimo 10 giugno compirà 99 anni.

Dall'archivio di Rockol - Il "Farewell Yellow Brick Road Tour" all'Arena di Verona
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.