Red Canzian, in concerto a Treviso: “Lo faccio per chi lavora con me, ora si vede chi ci mette l’anima e chi no”

Il 15 giugno, nel giorno del via libera agli spettacoli con restrizioni, l’artista sarà protagonista di un live nella sua città: “È il periodo dei sacrifici e della ripartenza”.

Red Canzian, in concerto a Treviso: “Lo faccio per chi lavora con me, ora si vede chi ci mette l’anima e chi no”

Come un leone, Red Canzian non vuole rimanere chiuso in gabbia. “Io fermo? Non ci penso minimamente – dice l'ex Pooh – voglio dare un segnale, la musica deve tornare a vivere in un clima di unione. La musica per convenienza, in questo momento, non può esistere. Si torna alla semplicità, a un pianoforte e a una chitarra. Allo stare insieme attorno a canzoni e storie. Non posso fare a meno di quel palco, farò dei sacrifici, accetterò le nuove condizioni e guadagnerò di meno, ma i miei collaboratori torneranno a lavorare e il pubblico a sorridere, dopo un periodo tremendo: questo è quello che più conta”. L’evento in programma alle 19 di lunedì 15 giugno in Piazza dei Signori a Treviso, proprio nel primo giorno di riapertura dei luoghi di spettacolo, sarà a sedere e con distanziamento, nel rispetto di tutte le norme previste dal decreto dello scorso 17 maggio per la prevenzione dei contagi (dai prossimi giorni a questo link sarà possibile prenotare il proprio posto al concerto).

Canzian sarà uno dei primissimi artisti a tornare sul palco - forse il primo. “Proprio quando è scoppiata la pandemia stavo lavorando al mio nuovo show, un concerto 2.0 – ricorda Canzian – ovviamente ho dovuto sospendere tutto, rimandare a data da destinarsi. Ma non volevo privarmi della musica e della sua magia. Inoltre ho pensato a tutti i miei collaboratori: hanno la stessa dignità di un operaio o di un architetto che lavora alla ricostruzione del ponte di Genova. Con una differenza: spesso sono invisibili. E così ho deciso di suonare comunque, rimodellando il concerto. Sarà una performance acustica in cui mostrerò tante fotografie su uno schermo gigante. Per ognuna racconterò una storia e suonerò una canzone. In queste situazioni si vedono i musicisti veri, chi ci mette l’anima e chi no, chi ha davvero le palle”.

Anche Max Gazzé ha annunciato alcuni concerti (leggi qui). “È un bassista anche lui, noi bassisti abbiamo un’anima diversa…”, sorride Canzian. E poi continua: “Il periodo di isolamento l’ho passato scrivendo canzoni. Ma io, come altri, sono un privilegiato: per questo mettere in moto la macchina dello spettacolo dal vivo ha un doppio valore, per chi lavora e chi ne usufruisce”, spiega l’autore di “Testimone del tempo”. L’artista auspica un ritorno alla semplicità. “Non potevo che ripartire dalla mia città, Treviso – conclude - durante gli ultimi tre mesi sono rimasto qui, nella mia casa in campagna, protetto dall’affetto dei miei famigliari e dalla cura di chi ha lottato per farci tornare il più presto possibile a una sorta di normalità. La musica, attraverso la radio, la televisione, i dischi, il web, è stata di grande conforto per tutti, ma ora è tempo che ritrovi la sua dimensione più vera, quella dal vivo, con la partecipazione di tutta l’umanità e la condivisione che ruota attorno a un concerto. Si tornerà a parlare fra noi, a sorridere, ad ascoltare canzoni insieme. Questo dannato virus ha portato via tantissime persone, se qualche cosa di positivo lo potrà lasciare sarà legato a un ritorno alla semplicità e all’essenza della vita”.

(Claudio Cabona)

Dall'archivio di Rockol - racconta "Testimone del tempo"
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.